menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ancisi: "È in arrivo in Comune il piano che strangola Porto Fuori"

Per il capogruppo di Lista per Ravenna "Due macigni politici e amministrativi (non escluso giudiziari) pesano su questo affare"

"È in arrivo in Comune il piano che strangola Porto Fuori". Non usa mezzi termini il consigliere comunale Alvaro Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna, per definire il piano operativo comunale. Secondo Ancisi "Tramite un maxipatto tra i proprietari di aree agricole circostanti l’abitato di Porto Fuori sul lato nord e un governo della città troppo compiacente, si vuole realizzare una circuitazione del paese che, travolgendone l’identità, ne soffoca la vita civile e sociale. Bastano pochi numeri. Si cementificano 85.697 metri quadri di terreno agricolo, gran parte dei quali da espropriare. Si costruiscono case per 17.110 metri quadrati, pari a qualche centinaio di appartamenti. Vengono spazzati via 80 orti ad uso sociale degli abitanti del paese, in gran parte anziani".
 
"Tale circuitazione che interessa in realtà solo la parte nord di Porto Fuori - prosegue il capogruppo di Lista per Ravenna - è stata pianificata per collegare la tangenziale Classicana con il punto di via Bonifica che dal paese porta a Lido Adriano: come se la masse turistiche proiettate verso il mare dovessero arrivarci a tutta velocità su questa specie di budello, a tutt’oggi omicida. Ma il 1° POC quinquennale, scaduto nel 2016, da cui questo S9 è stato rigenerato contro la volontà di tutto il paese, poneva come condizione che la circuitazione fosse fatta per intero, nella parte est a carico dei proprietari dell’S9 stesso e per quella ovest a carico dei proprietari del comparto adiacente, chiamato S10. Fallito l’accordo tra quest’ultimi e il Comune, logica avrebbe voluto che il piano fosse accantonato, cogliendo anche l’occasione affinché - come nella parola d’ordine della più recente legislazione urbanistica, declamata spesso dai nostri governanti locali - non si faccia ulteriore strage di vasto territorio agricolo. Ma non è così. Sfidando inevitabili ricorsi giudiziari, la Giunta De Pascale farà approvare dai consiglieri comunali di maggioranza il solo S9, che realizzerà solamente il tratto lineare tra via Bonifica e via Staggi, pari a circa la metà. Il resto, più complicato, comprendente le intersezioni con via Stradone e con la statale Classicana, sulla quale si dovrà fare anche un cavalcavia, non lo faranno più i proprietari dell’ex S10, ma dovrà pagarlo il Comune, senza che nessuno abbia neppure ipotizzato quanti milioni di euro potrà costare alla comunità, sempre che lo si faccia, evitando che la tangenziale resti mezza, altrimenti sarà un moncone che non serve a niente. Si allunga dunque la serie di fruttuosi accaparramenti politici, produttivi di “indebitamento” dell’amministrazione oltre la scadenza elettorale del 2021 (da ultimo, il caso della “nuova” piscina), l’impressione è che la Giunta in carica voglia avvelenare i pozzi a quella successiva".
 

Conclude Ancisi: "Due macigni politici e amministrativi (non escluso giudiziari) pesano su questo affare. Li descrivo da documenti ufficiali. La lottizzazione degli 8 ettari e mezzo di aree agricole intorno a Porto Fuori si fonda, fin dall’origine del primo POC e dei “contratti” stipulati al riguardo coi privati suoi beneficiari, sull’assunto secondo cui: “L’interesse pubblico si manifesta nel momento in cui la circuitazione si realizza nella sua interezza, coinvolgendo entrambi i comparti S9 ed S10”. Venuto meno il secondo, il piano è crollato su se stesso. Lo stesso piano attuativo (PUA) che farà seguito alla decisione in corso pone come “criticità” l’ “Alta potenzialità edificatoria residua del centro abitato riferita ai comparti di nuovo impianto approvati e in corso di attuazione”. C’è da crederci. Le nuove altre lottizzazioni approvate o già in corso a Porto Fuori sono di tale e tanta “potenzialità edificatoria”, aggiuntiva a quella esistente e su un territorio assai ristretto, che basta ed avanza per una borgata di 3.770 abitanti non aspirante  metropoli. Fin dagli albori di questa assurda vicenda strapaesana, Lista per Ravenna è sempre stata a fianco dei cittadini di Porto Fuori. Lo sarà fino a che non prevalesse la ragione".
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Ravenna usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Fitness

Gli esercizi da fare a casa per rassodare il seno

Attualità

Russi, partono i corsi di lingua del Comitato di Gemellaggio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento