Ancisi ringrazia gli elettori: "Ora riorganizziamoci e ripartiamo"

Il consigliere di Lista per Ravenna: "Alberghini è diventato consigliere comunale con quella parte dei voti che ci avrebbe meritato un consigliere in più".

Alvaro Ancisi, consigliere di Lista per Ravenna e sostenitore della candidatura di Massimiliano Alberghini alle ultime elezioni comunali, ringrazia pubblicamente elettori e simpatizzanti per il risultato ottenuto alle urne. E dà appuntamento per un'assemblea pubblica nel mese di luglio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un amico ravennate, importante esponente politico di sinistra nella prima repubblica, mi ha appena scritto il seguente messaggio:
“Caro Alvaro, anche se con ritardo, desidero complimentarmi con te per il bel risultato elettorale, che al secondo turno ha portato l’alleanza promossa da Lista per Ravenna a qualche migliaio di voti dal candidato del P.D. facendoci vivere da vicino la possibilità di un grande risultato nella Ravenna ormai politicamente imbalsamata da troppi anni. Il merito di tale risultato va soprattutto a te che non hai esitato a sacrificarti nell’interesse superiore della coalizione e della città. Il risultato conseguito ha fatto cogliere da vicino la possibilità che possiamo farcela a cambiare il corso delle cose nella politica ravennate. Personalmente l’operazione politica mi ha convinto da subito e come ti ho detto mi sono adoperato nella cerchia dei parenti e degli amici. L’esito elettorale mi ha fatto scattare la volontà di fare di più. Considerami pertanto a disposizione di Lista per Ravenna per dare un contributo fattivo. Se tu hai delle proposte di impegno per le quali ritieni che io possa dare un contributo positivo, considera la mia disponibilità. Tanti sinceri auguri per il prossimo mandato di consigliere comunale”.
Ne prendo spunto, a mia volta, per ringraziare le migliaia di amici di Lista per Ravenna, in particolare i candidati al consiglio comunale che tanto contributo di voti personali hanno portato al risultato della Lista, i collaboratori, i sostenitori e gli elettori stessi. A loro va il merito decisivo: avere condiviso e portato avanti con noi, a mani nude, senza mezzi, il progetto, difficilissimo ma esaltante, in origine incredibile, che ha condotto il nostro Comune ad un passo (il tre per cento appena) dalla svolta storica. Abbiamo comunque fatto capire a tutti che, in questa terra schiacciata da 46 anni di strapotere, il re, ormai nudo, siede su un trono di cartapesta. Lo ha dimostrato la maggioranza dei cittadini che gli ha voltato le spalle nell’intera città capoluogo (con punte maggiori nei travagliati quartieri del Centro storico e della Darsena) e nel litorale, la cui somma dei voti, escludendo solamente le frazioni, ha visto prevalere il nostro candidato sindaco Alberghini, civico come questa Lista. Il movimento di Liberazione è stato frenato solo nei paesi e paesini in cui il controllo politico, economico e sociale, capillare e spietato, impone un gigantesco collettivo voto di scambio. Ma è avanzato a grandi passi anche lì. È questione di tempo perché vi si affermi. Le nuove generazioni stanno crescendo anche lì.
Alberghini è diventato consigliere comunale con quella parte dei voti di Lista per Ravenna che ci avrebbe meritato un consigliere in più. Lo intendiamo come il riconoscimento simbolico dell’esserci spesi per un superiore interesse generale.
Tra le 14 liste che si sono presentate, con fragore, a queste elezioni, siamo comunque al quarto posto, preceduti solo dalle tre (e precedendone altre) che, supportate da partiti o movimenti o leader politici nazionali, hanno goduto di grande risonanza sui mezzi pubblici di comunicazione. Dobbiamo ripartire da qui e riorganizzarci, perché spetta soprattutto a noi operare affinché il processo che abbiamo innescato e portato avanti allo spasimo non si arresti, bensì giunga a compimento. Ci servono, sull’esempio dell’amico di cui sopra, maggiori spontanee disponibilità di energie e di tempo libero.
Entro il mese di luglio ne discuteremo in assemblea pubblica.
A tutti un grande abbraccio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

  • Coronavirus, due positivi a scuola: quarantena per alunni e docenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento