rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Politica

Sicurezza, Liverani (Lega): “Faenza costretta ad essere pattugliata da carabinieri dei territori vicini"

Ma Liverani "tira le orecchie" alla Regione anche su di un altro versante, e cioè per il fatto di non avere fatto la “voce grossa”, a fronte della progressiva riduzione dei presidi dei carabinieri

Il consigliere regionale della Lega Nord, Andrea Liverani, si appresta a dare ancora una volta battaglia sui temi della sicurezza. Perché, dopo avere trattato il tema dell’immigrazione fuori controllo, della prostituzione nel cuore della città faentina e del degrado che attanaglia la zona, ora se la prende anche con la progressiva chiusura di caserme dei carabinieri sul territorio. Come quella di Reda, una frazione di 2500 abitanti, che ha lasciato sguarnita un’area intera.

"Reda - esordisce Liverani - viene pattugliata da carabinieri provenienti dalle zone vicine (addirittura da comuni limitrofi), come da Granarolo Faentino o da Bagnara, nel lughese. Questo è il segno del progressivo ritiro dello Stato dai territori di periferia, a fronte dell’aumento dei furti e del disturbo (segnalato dai cittadini) portato da zingari e quant’altro.» La Lega Nord ha presentato nelle scorse ore un’interrogazione firmata da tutti i suoi consiglieri, per chiedere alla Regione a che punto stia l’applicazione delle norme che prevedono la formazione e l’utilizzo di operatori per la sicurezza, integrando in questo modo il lavoro delle forze dell’ordine.

Ma Liverani "tira le orecchie" alla Regione anche su di un altro versante, e cioè per il fatto di non avere fatto la “voce grossa”, a fronte della progressiva riduzione dei presidi dei carabinieri. "Mi chiedo quale logica, se non un taglio netto delle risorse, risieda nella decisione di coprire un territorio come quello faentino, mobilitando militari e risorse (il carburante per le pattuglie che restano in giro per l’intera notte; ndr) da zone vicine. Le quali, per effetto di una coperta sempre più corta, risultano a loro volta sguarnite. A rotazione – dice Liverani – pattuglie dei comuni vicini arrivano a coprire Faenza, per effetto di una programmazione approssimativa del comparto sicurezza. Proprio in questo momento storico, caratterizzato dalla richiesta di una maggiore attenzione per la sicurezza stessa, che arriva dai nostri cittadini".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza, Liverani (Lega): “Faenza costretta ad essere pattugliata da carabinieri dei territori vicini"

RavennaToday è in caricamento