Animali, Ancisi (LpRa): "Anagrafe felina da digitalizzare"

Il capogruppo in Consiglio comunale di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi, ha presentato un questione time al sindaco Michele De Pascale

"I gatti che vivono in libertà, oltreché censiti, debbono essere sterilizzati e dotati di un microchip, utile ad individuarli". Il capogruppo in Consiglio comunale di Lista per Ravenna, Alvaro Ancisi, ha presentato un questione time al sindaco Michele De Pascale per chiedere "se intende disporre che l’anagrafe felina sia digitalizzata e se intende provvedere affinché il cosiddetto "ufficio" addetto all’"Educazione alla sostenibilità e Benessere animale" possa provvedere dignitosamente alle sue funzioni, con lo stabile supporto almeno di un collaboratore amministrativo".

Affer,a Ancisi: "Di recente, l’Ente Nazionale Protezione Animali, dovendo reinserire nella colonia di appartenenza un gatto rinvenuto in un sito ritenuto diverso, si è rivolto ai “Diritti degli animali” del Comune per conoscere, sulla base del  numero di microchip dell’animale, i suoi dati identificativi. Ha così appreso che l’anagrafe felina è quasi interamente annotata su materiale cartaceo. Di conseguenza, la ricerca di un numero diventa oltremodo difficoltosa e complessa, con grande perdita di tempo. La giusta richiesta dell’Enpa, posta per iscritto l’11 ottobre scorso, è che l’anagrafe felina sia digitalizzata, non comprendendo, “in caso contrario, la necessità di dotare i gatti che vivono in libertà di microchip”, ad opera dell’Ausl e peraltro a carico della spesa pubblica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il problema si inquadra tuttavia nella dotazione di personale e di quadri del servizio “Tutela dell’Ambiente e del Territorio”, fortemente insufficiente e inadeguata a fronteggiarne le sempre crescenti competenze e  incombenze. Su questo mi propongo di effettuare un intervento organico - continua -. Entro questo servizio, l’apparato competente è quello addetto sia all’ “Educazione alla sostenibilità” che al “Benessere animale” (così si chiama ora, nel nostro Comune, l’ex “Diritti degli animali”), che però ha la dimensione di un semplice “ufficio”, ultimo gradino delle quattro articolazioni strutturali di cui si compone la pianta organica del Comune di Ravenna. In realtà è impossibile perfino chiamarlo ufficio, perché vi lavora un solo quadro direttivo (esattamente un “istruttore direttivo amministrativo-contabile”), nella persona di una veterinaria, che non dispone di alcun collaboratore, nemmeno esecutivo, tanto meno terminalista, e della dunque si può capire la mancanza di tempo, non già di volontà e disponibilità, per digitalizzare i monti di carte che le si rovesciano sul tavolo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da un malore fatale mentre guida: camionista perde la vita

  • La schianto è impressionante e non lascia scampo ad un 53enne: ennesima tragedia sulle strade

  • Amici o fidanzati non conviventi in auto: quali sono le regole da seguire?

  • Coronavirus, i divieti che restano in vigore anche dopo il 3 giugno

  • Il caso era stato segnalato a "Chi l'ha visto?", trovata l'anziana allontanatasi da Milano

  • Scoppia un incendio nell'allevamento: tanti uccelli morti tra le fiamme

Torna su
RavennaToday è in caricamento