Appello dell'Italia dei Valori: "La Regione si impegni per chiudere l'inceneritore di Ravenna"

"La Regione si impegni per chiudere l'inceneritore di Ravenna". E' quanto afferma Davide Zagonara, segretario provinciale Italia dei Valori - Ravenna

"La Regione si impegni per chiudere l'inceneritore di Ravenna". E' quanto afferma Davide Zagonara, segretario provinciale Italia dei Valori - Ravenna, il quale attende "con interesse la presentazione del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti che dovrebbe avvenire a gennaio. Si tratta di un passo fondamentale per porre un punto fermo che porti alla chiusura dell’inceneritore di Ravenna, perché grazie anche alle modifiche alle autorizzazioni integrate ambientali degli inceneritori di Modena e Ferrara (e altre sono in arrivo) ed al famigerato "collegato ambientale", il disegno di legge già approvato dal Consiglio dei Ministri che istituisce una rete nazionale degli inceneritori, si prepara il terreno perché in Emilia Romagna si brucino i rifiuti provenienti da ogni parte d'Italia".

"Già ne sono arrivati dal Lazio, dalla Campania, e nell'inceneritore di Ravenna sono stati conferiti quelli provenienti da San Marino - afferma Zagonara -. Passa in secondo piano la tutela della salute dei cittadini, costretti a respirare un'aria sempre più inquinata, e vengono annullati i loro sforzi nell'applicazione di politiche sostenibili come la raccolta differenziata, che a questo punto diventa controproducente: serve solo a liberare spazio negli inceneritori per i rifiuti provenienti da altre regioni. Sull'argomento sono già intervenuti la segretaria regionale IdV ed ex assessore regionale all'Ambiente Sabrina Freda, e la capogruppo IdV in consiglio regionale Liana Barbati, che ha presentato una risoluzione alla Giunta regionale".

"Altrettanto faremo noi, con i nostri consiglieri che presenteranno una risoluzione in Consiglio provinciale ed in ogni Consiglio comunale, partendo da Davide Buonocore a Ravenna, per impegnare le amministrazioni locali alla progressiva chiusura dell'inceneritore di Ravenna, fra i più obsoleti e impattanti dell'intera Emilia-Romagna - chiosa Zagonara -. Ci auguriamo che le discussioni in merito vengano effettuate con urgenza, senza rinvii, individuando scenari e criteri di "decommissioning selettivo", cioè di disattivazione progressiva dell'impianto ravennate. Criterio che noi dell’Italia dei Valori chiediamo sia definito in modo chiaro e inequivocabile all'interno del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Chiediamo - conclude - un impegno concreto a favore del progressivo spegnimento dell'impianto ravennate ed in parallelo un sempre più forte investimento sulla raccolta differenziata puntando su un sistema puntuale. Infine riteniamo che l’impegno dei cittadini ravennati ed emiliano-romagnoli nella riduzione dei rifiuti e nella raccolta differenziata vada premiato e non mortificato con lo smaltimento dei rifiuti di tutta Italia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si lancia da un'auto in corsa sull'Adriatica: gravissima una donna

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

  • Alessandro Borghese gira una puntata di "4 Ristoranti" in riviera

Torna su
RavennaToday è in caricamento