Approvata la variante al Rue in recepimento della Carta delle potenzialità archeologiche

Nella seduta di martedì il consiglio comunale ha approvato la variante al Rue in recepimento della Carta delle potenzialità archeologiche adottata con delibera del 7 maggio scorso

Nella seduta di martedì il consiglio comunale ha approvato la variante al Rue in recepimento della Carta delle potenzialità archeologiche adottata con delibera del 7 maggio scorso. La delibera è stata presentata dall’assessora all’Urbanistica Federica Del Conte. La variante è stata elaborata in raccordo con la Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio di Bologna e di Ravenna e costituisce un’integrazione degli strumenti urbanistici funzionale a conciliare la tutela del patrimonio archeologico con le esigenze operative delle attività edilizie e urbanistiche, in particolar modo con riferimento al centro storico. La Carta delle potenzialità archeologiche descrive e mappa 326 siti archeologici su 5 zone comunali.

La delibera ha ottenuto 18 voti favorevoli (Pd, Ama Ravenna, Sinistra per Ravenna, Pri, Ravenna in Comune) e 9 astensioni (Lega Nord, Forza Italia, La Pigna, Gruppo misto, CambieRà e Lista per Ravenna).

In seduta di consiglio sono stati presentati due ordini del giorno (in allegato): uno da parte di Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna), l’altro presentato da Marco Turchetti (Pd), firmato anche da Marco Frati (Pd), Mariella Mantovani (Articolo 1), Michele Distaso (Sinistra per Ravenna), Chiara Francesconi (Pri). Il primo è stato respinto, con 9 voti favorevoli (Forza Italia, Lista per Ravenna, Lega Nord, Gruppo misto, CambieRà, La Pigna) e 18 contrari (Sinistra per Ravenna, Pd, Pri, Ama Ravenna, Articolo 1); il secondo è stato approvato con 22 voti favorevoli (Pd, Pri, Articolo 1, Sinistra per Ravenna, Ama Ravenna) e 5 contrari (Lega Nord, Forza Italia e Lista per Ravenna).

Sono intervenuti nel dibattito: Marco Turchetti (Pd), Alvaro Ancisi (Lista per Ravenna), Marco Maiolini (Gruppo misto), Massimo Manzoli (Ravenna in Comune), Chiara Francesconi (Pri).

 
Il gruppo PD, nel presentare l’ordine del giorno, ha chiesto che la giunta si attivi per definire lo strumento particolareggiato per il centro storico in aggiunta a quello presentato in delibera, ricordando come già in fase di adozione del Rue era stato presentato un ordine del giorno.

Il gruppo Lista per Ravenna, nel presentare il proprio ordine del giorno, ha insistito sulla necessità di adozione di un’altra variante al Rue e di uno strumento particolareggiato di zonizzazione archeologica del centro storico entro il mandato elettorale 2016 – 2021.

Il Gruppo misto nonostante abbia apprezzato l’ordine del giorno della maggioranza, condivide con Lista per Ravenna l’assoluta urgenza di uno strumento particolareggiato e il fatto che si sia in ritardo nella sua adozione.

Il gruppo Ravenna in Comune ha espresso soddisfazione per la Carta delle potenzialità archeologiche da parte dell’amministrazione, ma non per il modo in cui è scaturita, condividendo con Lista per Ravenna l’esigenza di uno strumento particolareggiato per il centro storico in tempi brevi

Il gruppo Partito repubblicano italiano ha fatto riferimento all’ordine del giorno presentato in sede di adozione della Carta il 7 maggio, ricordando che si chiedeva collaborazione con l’Università di Bologna, aggiungendo che i tempi indicati da Lista per Ravenna non sono attuabili.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Precipita per oltre cento metri dal sentiero di guerra del Pasubio: muore medico in pensione

  • Violento schianto tra due auto: gravissime madre e figlia

  • Spaventoso incidente stradale, coinvolte quattro auto: una donna in condizioni gravissime

  • Rubava nel supermercato dove lavora: dipendente infedele nella rete dei Carabinieri

  • Schianto in A14 tra una moto e un'auto: in gravi condizioni un ravennate

  • Prima rovina un'auto durante una manovra, poi investe il proprietario e scappa: il pirata è un nonnino di 86 anni

Torna su
RavennaToday è in caricamento