Balneazione e ristorazione, i consiglieri Pd bocciano i documenti Inail

Dura bocciatura dei consiglieri Pd di Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini: "Per molte imprese e lavoratori una condanna a chiudere, fare debiti, rinunciare al lavoro"

Distanziamento, turnazione, modalità di accoglienza e gestione della clientela. I documenti tecnici, sottoscritti anche dall’Istituto Superiore di Sanità, che Inail ha fatto circolare in materia di ristorazione e servizi balneari, per i consiglieri regionali della costa del Pd descrivono "un’utopia insostenibile. Per alcuni, operatori e lavoratori delle centinaia di migliaia di attività in tutta Italia sono semplicemente una condanna a chiudere, a fare debiti, alla rinuncia al lavoro. Senza entrare nel merito di quanto immaginato da Inail, sottolineiamo come sia mancata una condivisione di quelle indicazioni con enti, organizzazioni e rappresentanti delle comunità che dovrebbero metterle in pratica. In Regione Emilia-Romagna, visto che non si può più aspettare, stiamo facendo altro, partendo proprio dalle proposte degli operatori e dei loro rappresentanti per costruire un perimetro sostenibile e credibile di regole e di buone pratiche che consentano di lavorare in sicurezza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per chi lavora, vanno tenuti in considerazione i costi e la concreta realizzazione delle misure suggerite per contenere un eventuale contagio - continuano i consiglieri - Per i clienti, andare in spiaggia, al bar o al ristorante non può diventare solo ed esclusivamente un momento di sofferenza, scandito da turni rigorosi, precauzioni rigide e mobilità ridotta che rischiano solo di far diventare una vacanza o una uscita in famiglia o con gli amici un motivo di ansia. Il decreto urgente che aspettiamo da fine aprile, in più, tarda ad arrivare e temiamo che manchi di misure concrete e praticabile per sostenere imprese ed enti che grazie al turismo, agli eventi e al benessere si contraddistinguono in termini di occupazione, indotto ed economia entro e fuori i confini nazionali. La nostra economia ha bisogno di poter tornare a crescere. Se vengono posti paletti troppo rigidi, ci sono due possibili conseguenze. Da un lato, far chiudere chi vuole provare a rispettare le regole; dall’altro spingere chi invece non ci sta o più semplicemente non se lo può permettere ad eluderle. Sappiamo bene che siamo di fronte a una situazione drammaticamente inedita, che ci ha già spinto oltre a quello che fino a poche settimane fa pensavamo impossibile. Creare nuove povertà di sicuro non può essere una soluzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova stretta in vista: a rischio chiusura ristoranti, parrucchieri e palestre

  • Sanità innovativa: in ospedale uno strumento che colpisce le cellule tumorali

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Si schianta con l'Harley contro il new jersey: motociclista gravissimo

  • Quattro ristoranti ravennati premiati al 'Gran Premio internazionale della ristorazione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento