rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Politica

Bandiera della pace sul palazzo del Comune, La Pigna: "Sia rimossa, è contro la legge"

La lista civica: "La bandiera arcobaleno riportante la parola pace è ormai riconosciuta come simbolo dei partiti appartenenti alla sinistra italiana"

"E' inaccettabile che la facciata della Residenza Comunale, la casa dei Ravennati, venga strumentalizzata dal Partito Democratico per portare avanti la propria propaganda". Con queste parole la lista civica La Pigna ha inviato una formale richiesta al sindaco Michele de Pascale affinché rimuova la bandiera della pace esposta sul parapetto del balcone della Residenza Comunale che si affaccia sulla Piazza del Popolo.

Secondo la lista civica "la bandiera arcobaleno riportante la parola pace, che da diversi mesi campeggia sulla balconata della Residenza Comunale - sarebbe - una bandiera che è ormai riconosciuta come simbolo dei partiti appartenenti alla sinistra italiana e che peraltro, anche se in ordine diverso, presenta 6 dei 7 colori che compongono la bandiera del movimento Lgbt. Colori che sono stati inclusi anche negli stemmi del partito 'La Sinistra L'Arcobaleno' e nella colomba arcobaleno presente nel simbolo lista elettorale 'Alleanza Verdi e Sinistra' che si è presentata alleata proprio col PD nelle ultime elezioni politiche dello scorso settembre".

"Anche questa volta a farla da padrona è l'ambiguità politica del sindaco Michele de Pascale: la Direzione Nazionale del Partito democratico, di  cui egli è membro, sostiene l'invio di armi all'Ucraina per difendersi dall'attacco della Federazione Russa. Eppure lo stesso PD si avvolge nella bandiera della Pace. E de Pascale non è certo da meno. Peccato, però - prosegue La Pigna - che negli edifici pubblici non possano essere esposte bandiere non istituzionali. Lo vieta la legge".

Come evidenzia la lista civica, sarebbe il Decreto del presidente della Repubblica del 7 aprile 2000 "a non prevedere anzi a vietare l'esposizione negli edifici pubblici bandiere non istituzionali o di parte - afferma la lista ravennate -Potrebbe sembrare una questione di lana caprina ma in realtà la questione in oggetto testimonia l'atteggiamento sprezzante di de Pascale e del Pd ravennate nei confronti delle disposizioni normative in qualsiasi materia. Un atteggiamento che pur di tutelare gli interessi e gli obiettivi del PD ravennate, distorce l'interpretazione delle leggi al fine di giustificare le scelte, sempre più spesso scellerate, di questa amministrazione". La Pigna avrebbe inoltre chiesto l'intervento del Prefetto di Ravenna "affinché eserciti i poteri di vigilanza che gli assegna la normativa in materia, ed inviti il sindaco a rimuovere la bandiera della pace dalla facciata della Residenza Municipale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bandiera della pace sul palazzo del Comune, La Pigna: "Sia rimossa, è contro la legge"

RavennaToday è in caricamento