rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Politica

Barriere architettoniche, Ercolani (Lega): "Quanti interventi portati a termine in città?"

Con un’interrogazione il consigliere leghista chiede un aggiornamento sugli interventi del 2021 e del 2022 previsti dal Piano del Comune per l'eliminazione delle barriere architettoniche

A che punto è il Peba, il Piano per l'eliminazione delle Barriere Architettoniche in città? Se lo chiede il consigliere comunale della Lega, Giacomo Ercolani, che ha presentato un’interrogazione per "chiarire l’attuale situazione nel nostro Comune per quanto riguarda la fruibilità delle strutture pubbliche e dei trasporti pubblici per le persone con disabilità sul nostro territorio".

"Il comune di Ravenna - spiega il consigliere leghista - ha adottato un Peba (Piano Eliminazione Barriere Architettoniche) solo pochi anni fa nonostante la legge risalga al 1986, ho voluto studiare ed approfondire il Peba e il Pcu (Piano Circolazione Urbana) del nostro comune, documenti corposi che raccolgono un grande numero di interventi e che rappresentano le linee guida per rendere la città inclusiva per le persone con disabilità. Detto ciò, tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, è evidente quindi la necessità di rendere pubblica la reale ed attuale situazione degli interventi portati a termine rispetto a quelli previsti e di far riflettere la giunta sulla necessità di aggiornare ed espandere la lista degli interventi".

"L’accessibilità delle strutture ai disabili motori risulta doppiamente importante perché non si limita a loro, ma facilità anche tantissimi anziani che tendono a sviluppare difficoltà motorie più o meno gravi nel tempo. Al centro dell’interrogazione quindi - Ercolani ha posto - la richiesta di un aggiornamento sugli interventi del 2021 e del 2022 previsti dal Peba e la richiesta di una mappatura aggiornata degli attraversamenti pedonali dotati di segnale acustico per non vedenti".

Inoltre, si evidenzia anche a seguito di segnalazioni della cittadinanza la necessità di rivedere e riprogettare il sistema di trasporto pubblico per garantire l’inclusione e l’accessibilità alle persone disabili, non è tollerabile che non si possa accedere ad un servizio e venire discriminati solo perché quel particolare veicolo o quella particolare tratta non è fornita degli adeguati strumenti per far accedere le persone con disabilità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barriere architettoniche, Ercolani (Lega): "Quanti interventi portati a termine in città?"

RavennaToday è in caricamento