Bassi replica a Morra: "Il Comune di Massa Lombarda è uno dei più strutturati della Bassa Romagna"

Il candidato sindaco Daniele Bassi replica a Maria Elena Morra sul tema dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna

“Un candidato sindaco, prima di lanciarsi in certe affermazioni a mezzo stampa, farebbe bene a fare un giro tra gli uffici del nostro municipio: capirebbe all’istante che molte cose dette non corrispondono al vero”. Il candidato sindaco Daniele Bassi replica a Maria Elena Morra sul tema dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna.

“Credo che il primo dovere nei confronti dei cittadini di una persona che vuole candidarsi a rappresentare la pubblica amministrazione sia quello di informarsi, cosa che mi pare non sia avvenuta in questo caso - spiega Bassi - Se la candidata Morra avesse messo piede in municipio, prima di parlare, avrebbe visto che vi può trovare gli stessi servizi che c’erano nel 2007, prima della nascita dell’Unione. Anzi: senza l’Unione oggi i servizi di un Comune delle nostre dimensioni sarebbero diminuiti, sia in qualità che in quantità. O forse la Morra è convinta che Massa Lombarda si possa permettere, da sola, servizi come la Sismica o la Protezione civile a livelli di eccellenza in ambito nazionale, come avviene oggi? Oppure l’Informatica, che ha permesso al nostro Comune di avere nel 2019 un importante riconoscimento dalla Regione come territorio Smart?".

"L’Unione è uno strumento che consente ai Comuni di aumentare i servizi e di accedere a maggiori fondi, senza nulla togliere al territorio - prosegue il primo cittadino - Chi si candida a sindaco dovrebbe sapere bene che i Comuni, da oltre un decennio, sono soggetti a una severa disciplina vincolistica in materia di assunzioni, stabilita dalla legge nazionale; l’Unione perciò è stata una sorta di ancora di salvezza per gli enti che ne fanno parte, in quanto ha compensato la loro inferiore capacità di ricambio di personale. Il Comune di Massa Lombarda in questo modo ha potuto alleggerire l’impatto dei vincoli di legge anche con riferimento ai servizi gestiti direttamente. Infatti, può contare su un organico di circa 30 persone, una delle squadre più strutturate di tutta la Bassa Romagna: questo proprio perché se da un lato abbiamo dislocato il personale addetto alle funzioni interne dell’ente (che non richiedono un rapporto col cittadino), dall’altro abbiamo mantenuto i servizi che hanno una ricaduta effettiva sulla vita delle persone”.

Potrebbe interessarti

  • La sabbia invade casa? Ecco come ripulirla

  • Creme solari, quali sono le 4 sostanze chimiche pericolose per la salute

  • Bagaglio perso o danneggiato in aeroporto: ecco cosa fare per il rimborso

I più letti della settimana

  • Falciano un ciclista e scappano, 25enne lasciato morire sul bordo della strada

  • Omicidio stradale, fermata una ragazza accusata di aver lasciato morire un 25enne

  • Gira nuda per il paese urlando contro il compagno, poi si scaglia contro un Carabiniere

  • Accoltella a morte il socio al culmine di una furiosa lite

  • Uccide il compagno con una coltellata: chi era la vittima dell'omicidio della piadineria

  • Investito e lasciato morire: fissata l'autopsia, giovane accusata di omicidio stradale

Torna su
RavennaToday è in caricamento