rotate-mobile
Politica

Bilancio Previsionale 2016, Morigi tranquillizza: "Non sono previsti tagli al welfare"

Come ha spiegato giovedì in Consiglio comunale l'assessore Valentina Morigi, "spese ed entrate sono molto vicine a quelle previste nel bilancio 2015", mentre quella in conto capitale ammonta a 25 milioni di euro per i lavori pubblici

Numeri sostanzialmente invariati rispetto al 2015 per il bilancio previsionale 2016 del Comune di Ravenna. Anche per assicurare il funzionamento della macchina comunale nell'anno di transito tra i due mandati amministrativi. Come ha spiegato giovedì in Consiglio comunale l'assessore Valentina Morigi, "spese ed entrate sono molto vicine a quelle previste nel bilancio 2015", mentre quella in conto capitale ammonta a 25 milioni di euro per i lavori pubblici.

Tra le novita', ha aggiunto, viene messa a bilancio la quota parte per le elezioni, mentre risultano invariati gli stanziamenti per il sociale. In mancanza dei residui utilizzati nello scorso bilancio, si fa leva sull'incasso straordinario dato dall'incremento di attivita' da parte di Ravenna Entrate contro l'evasione e sulla "scelta positiva" di anticipare l'estinzione di un mutuo. "Sono queste - ha concluso Morigi - le uniche modifiche sul bilancio 2015", mentre l'impegno di spesa dei singoli assessorati e' invariato.

Il cronoprogramma prevede di approvare il previsionale entro il 17 dicembre, con il 2 come deadline per gli emendamenti, mentre la discussione in Consiglio comincera' il 10. Intanto un po' di pepe ce lo mette subito il capogruppo di Forza Italia, Alberto Ancarani, sottolineando che nonostante le elezioni, si parla del 12 giugno per la chiamata alle urne, "l'attivita' deve proseguire, ma ci saranno modifiche". A partire dalla possibile abrogazione della tassa sulla prima casa.

Sarebbe "un provvedimento di enorme buonsenso", ha evidenziato, augurandosi che i consiglieri comunali del Pd "non si eccitino e abbiano l'onesta' intellettuale di dire che la tassa a loro e' sempre piaciuta e che si dispiacciono per la sua soppressione. Altrimenti sareste ipocriti". Invece Alvaro Ancisi di Lista per Ravenna ha inveito per non avere ricevuto prima tutta la documentazione: "E' squallido, come si puo' pensare che si venga qui ad ascoltare senza intervenire? Dateci i documenti prima e poi si faccia la presentazione". Respingendo l'accusa di "yes men", Daniele Perini del Pd sottolinea che sebbene non ci siano tagli al sociale, i prossimi sindaco e consiglio comunale "devono decidere di piu' sui servizi erogati. E' inammissibile parlare di welfare una volta all'anno". Inoltre, ha aggiunto, ci sara' un "problema enorme da milioni di euro in meno" per il taglio della tassa sulla prima casa.

(agenzia Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio Previsionale 2016, Morigi tranquillizza: "Non sono previsti tagli al welfare"

RavennaToday è in caricamento