rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Politica

Camere Commercio, plauso di Spadoni (Udc) per il documento di Forlì-Cesena

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

Concordo appieno con i 29 sindaci romagnoli che promuovono il raggruppamento omogeneo delle tre Camere di Commercio corrispondenti al territorio esistente dell’Area vasta; vale a dire Ravenna, Forlì Cesena e Rimini. Si tratta di un modello geopolitico già delineato al quale non appare opportuna l’aggiunta della provincia di Ferrara se si tiene conto, peraltro,  delle varie esperienze consolidate basate, appunto, sull’accorpamento delle quattro città romagnole.
   
Tale convinzione logica trova condivisione e si rafforza ulteriormente nel  momento in cui le Province di  Ravenna, Rimini e Forlì Cesena, dando seguito alla legge regionale n.13 del 2015, stanno costituendo un unico ambito territoriale che ricomprende quei territori provinciali  per l’esercizio in forma associata delle  varie funzioni  in capo ai nuovi enti. Va considerato, inoltre, che già in ambito sanitario si è costituita l’Azienda sanitaria locale della Romagna, così allo stesso modo nel settore dei trasporti pubblici locali la società Strart Romagna per mezzo della quale i comuni e le province del bacino romagnolo,  sta gestendo le funzioni riferite ai servizi di trasporto pubblico  in vista della costituenda azienda unica  per la mobilità romagnola seguendo lo stesso percorso già intrapreso dall’azienda sanitaria. A questo panorama, inoltre, va aggiunto l’ambito delle risorse e dei  servizi idrici gestiti da Romagna Acque, società che gestisce per conto dei comuni e delle citate province le funzioni riferite, appunto, ai servizi idrici. In altre parole le Camere di commercio dovrebbero vedere già indicata la strada per questo programma di riforme caratterizzata dalla costituzione di un’Area vasta romagnola già configurata che tende a raggruppare territori fra loro omogenei dal punto di vista storico, culturale e socio  economico. Un nuovo soggetto di ente camerale, dunque,  corrispondente ai citati territori di Ravenna, Rimini e di Forlì Cesena, per dare una più adeguata risposta  alla necessità di razionalizzazione della spesa pubblica ma allo stesso tempo  come definizione di un nuovo modello per migliorare la competitività dell’economia complessiva. 


Gianfranco Spadoni
Consigliere provinciale Udc Ravenna

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camere Commercio, plauso di Spadoni (Udc) per il documento di Forlì-Cesena

RavennaToday è in caricamento