Caporalato, il Pd dopo i 4 arresti: "Mai più lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo"

Alessandro Barattoni, segretario provinciale del Pd Ravenna, commenta così l'operazione della Squadra Mobile di Forlì che ha portato all’arresto di quattro caporali che costringevano una quarantina di persone a lavorare nei campi dalle 60 alle 80 ore settimanali

"Mai più lo sfruttamento sull'uomo". Alessandro Barattoni, segretario provinciale del Pd Ravenna, commenta così l'operazione della Squadra Mobile di Forlì che ha portato all’arresto di quattro caporali che costringevano una quarantina di persone a lavorare nei campi dalle 60 alle 80 ore settimanali, alle quali veniva promessa una paga di 250 euro mensili dai quali 200 euro e venivano poi trattenuti per un “vitto e alloggio” in condizioni di estremo degrado.

"Questo è successo a pochi passi da noi, in queste terre, fra quelle colline che spesso fotografiamo per utilizzarle come sfondi per i nostri telefonini, dove cresce il cibo che ci nutre, succede nella civilissima Romagna - prosegue Barattoni -. Per questo ringrazio chi ha condotto le indagini, le forze di polizie, Inail e Ispettorato del lavoro per le azioni che da mesi avevano messo in campo per far emergere questa situazione di illegalità che per il momento ha portato all’arresto di quattro persone. Oltre a condannare quanto successo, a chiedere chiarezza, credo che dobbiamo tutti interrogarci su come sia potuto succedere e affiancare nuove azioni di prevenzione e di contrasto all’indegno fenomeno organizzato dello sfruttamento, anche a tutela di una filiera dell’agroalimentare che deve sempre più pensare a come valorizzare l’impegno, la passione e la fatica di tanti e non al profitto di pochi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Se tutti noi abbiamo pensato che lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo riguardasse tempi ormai remoti o terre a noi lontane o siamo stati ciechi o abbiamo sbagliato -. Qui si tratta di persone calpestate. Ed è un pugno nello stomaco, terribile, che non ci può lasciare indifferenti e anzi dovrebbe risvegliarci tutti. Perché riguardasse anche un solo individuo sarebbe troppo. Ripartire dalla persona nel rispetto della sua dignità e delle sue libertà in una prospettiva di giustizia sociale per l’intera società è quello che dobbiamo fare. L’indagine sembra partita dalla denuncia di cinque lavoratori che, stanchi di essere sfruttati, si sono recati in questura a Forlì. Anche e soprattutto al loro coraggio va il mio pensiero e il mio ringraziamento. Apriamo gli occhi. Mai più".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • A 91 anni fa il Giro d'Italia in barca a vela: "Mettetevi in gioco, è la paura che fa invecchiare"

  • Violento scontro all'incrocio, mezzi distrutti: una famiglia all'ospedale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento