Firenze vuole le reliquie di Dante, la Lega non ci sta: "La storia parla da sè"

Un'eventualità che ha già sollevato non pochi mormorii in città

Nel 700esimo anniversario della morte, che cadrà nel 2021, le ceneri di Dante Alighieri, ora custodite dentro la tomba nella chiesa di San Francesco a Ravenna, potrebbero tornare a Firenze. Questo se saranno superate le resistenze ed i limiti imposti dalla legge per il disseppellimento e lo spostamento dei resti umani, grazie ad un nulla osta speciale. Un'eventualità che ha già sollevato non pochi mormorii in città. "Se Alberto Angela ha portato turisti a Ravenna in visita ai nostri monumenti con la puntata del suo programma dedicata al patrimonio Unesco ravennate, al contrario la proposta di mandare le ossa di Dante a Firenze danneggerebbe sia le illustri spoglie (già in cattivo stato di conservazione) e la città di Ravenna, spostando l'attrazione turistica a Firenze - afferma Rosanna Bondi della Lega -. Le domande che noi ci poniamo sono: chi paga e quanto costa assicurare le antiche spoglie, bene unico al mondo: De Pascale (la città di Ravenna) o la signora Mazzavillani Muti, dal momento che lei stessa ha avanzata tale possibilità? Chi trae profitto da questa operazione di marketing? Certamente non la città di Ravenna. La storia parla da sè".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Dopo essere stato scacciato, condannato alla confisca dei beni e al "boia", qualora si fosse fatto trovare nel territorio del Comune di Firenze, in una lettera (scritta sicuramente dopo il 19 maggio 1315) rivolta ad un amico di Firenze, Dante respinge con sdegno la possibilità offerta a lui e ad altri esuli di parte bianca di approfittare dell'amnistia concessa dai Guelfi Neri, che imponeva il pagamento di un'ammenda e di sottoporsi a una cerimonia di pubblica penitenza - ricorda l'esponente del Carroccio -. Il poeta rifiuta di tornare nella sua città al prezzo di riconoscere colpe che non ha commesso, quindi afferma con fierezza che preferisce restare in esilio, dove (nonostante le molte ristrettezze) il pane non gli mancherà".

Le spoglie di Dante non devono assolutamente essere trasferite o spostate da Ravenna, dal momento che dopo anni di esilio egli stesso aveva eletto la nostra città come ultimo luogo di pace e serenità, dove immergersi nell'atmosfera ideale per concludere la stesura del Paradiso - viene aggiunto -. A Ravenna Dante diventa subito oggetto di una devozione, che alla sua morte si trasforma in un vero e proprio culto. Nell'ottica di rispetto delle volontà del Sommo Poeta stesso appare paradossale la proposta di trasferimento delle sue ossa per un progetto meramente commerciale. L'impianto turistico sensazionalistico e di ipersfruttamento dei beni artistici, che vede a Firenze stessa la sua realizzazione compiuta (città luna park per turisti distratti), non deve contaminare l'alta dignità di Dante, Unico e Sommo Poeta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • Il bagno con gli amici si trasforma in tragedia: perde la vita un 28enne

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • Schianto all'incrocio all'alba: automobilista in gravi condizioni

  • Schianto tra auto all'incrocio: due donne finiscono in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento