Caso rifiuti, la Cisl: "Incapacità nella gestione degli appalti"

"Hera da tempo dimostra una grossa incapacità nella gestione degli appalti, basti vedere quanto successo a Bologna"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

"Spazzamento e raccolta rifiuti a Ravenna : in questi giorni a Ravenna a seguito del passaggio d'appalto dalle aziende uscenti a quelle aggiudicatarie si sono verificati gravi disservizi. Molto si è detto sulla vicenda, ma crediamo non tutto. Sicuramente le responsabilità vanno suddivise tra Her , una parte delle aziende uscenti e il raggruppamento temporaneo d'imprese aggiudicatario dell'appalto. Hera da tempo dimostra una grossa incapacità nella gestione degli appalti, basti vedere quanto successo a Bologna dove è tutt'ora in corso un'indagine della procura della Repubblica e dove, nonostante siano mesi che operano le aziende aggiudicatarie ci sono ancora grossi problemi ( mancanza di attrezzature, isole ecologiche chiuse,  mezzi inadeguati ecc. ) .

A Ravenna alcune delle aziende uscenti, cosi come dichiarato da Hera, non hanno reso disponibile per l'assunzione nelle nuove aziende il personale sopprattutto autisti rendendo cosi difficoltoso il cambio appalto e causando una parte dei disservizi. Sorgono poi spontaneee delle domande: siamo certi che nell'ultimo giorno di attività le aziende uscenti abbiano svolto in maniera corretta il servizio? Non è che hanno dimenticato di svuotare i cassonetti andando a peggiorare una situazione già difficile? 

In merito a quanto accaduto è intervenuta anche l'alleanza delle cooperative che stranamente non è intervenuta per denunciare i disservizi dell'appalto di Bologna, forse perchè se lo sono aggiudicato le coop. e coop. sociali di Legacoop? Perchè non ha parlato delle condizioni dei lavoratori prima del cambio appalto quando a Ravenna operavano circa 50 tra aziende , coop. e coop. sociali con 13 diverse applicazioni contrattuali (operatori ecologici con il ccnl edili, agricoltura o altro ) invece dell'applicazione del contratto di riferimento dell'igiene ambientale? Parla di gara al massimo ribasso ma forse dimentica che la componente ribasso incideva solo per il 40%  .

Torniamo a Hera, perchè a Bologna ha concesso tre proroghe prima del cambio appalto e a Ravenna invece, nonostante un ricorso al Tar, ha preteso l'avvio immediato ? Forse è ora che il dirigente Hera che si occupa delle gare d'appalto passi a occuparsi di altro visto che da tempo non ha il controllo di quanto accade ( e mi limito a dire questo). Chiudiamo dicendo che le scuse vanno fatte ai cittadini ma anche e soprattutto ai lavoratori che purtroppo sono sempre quelli che pagano a caro prezzo l'incapacità di altri e che ci mettono tutti i giorni la faccia con i cittadini. Un plauso a loro e al lavoro che svolgono quotidianamente per la comunità".

Stefano Rivola, segreterio regionale Fit Cisl Emilia Romagna 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento