Cervia partecipa alla marcia per la pace Perugia-Assisi

"Mai più guerra: difendiamo i valori che ci sono più cari": è l'ordine del giorno approvato all'unanimità giovedì dal consiglio comunale di Cervia

"Mai più guerra: difendiamo i valori che ci sono più cari": è l'ordine del giorno approvato all'unanimità giovedì dal consiglio comunale di Cervia, in occasione del 75esimo anniversario della fondazione delle Nazioni Unite (1945-2020). Tramite l'ordine del giorno, visto l’invito del Coordinamento nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani ad aderire al Comitato promotore della Marcia Perugia-Assisi della pace e della fraternità del prossimo 11 ottobre 2020 convocata nel 75esimo anniversario della fine della seconda guerra mondiale, dello scoppio della prima bomba atomica e della creazione delle Nazioni Unite, il Comune riafferma il proprio sostegno ai valori, ai principi e agli obiettivi enunciati nella Carta delle Nazioni Unite e nella centralità dell’Onu per la costruzione di un ordine mondiale di pace e di giustizia sociale ed economica come definito dall’articolo 28 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Il Comune chiede al Governo e al Parlamento italiano, alla Commissione e al Parlamento europeo di sostenere l’impegno dell’Onu per raggiungere il cessate-il-fuoco- globale, a partire dal Mediterraneo e dal Medio Oriente anche contrastando i traffici delle armi; di riunire ad Assisi i paesi, le istituzioni e le organizzazioni della società civile disponibili a investire sull’Onu e promuovere la convocazione di una “Convenzione Universale per il potenziamento e la democratizzazione dell’Onu” in modo che sia messa in grado di raggiungere il principale obiettivo per cui è stata creata (salvare le future generazioni dal flagello della guerra); di fronteggiare efficacemente le grandi sfide globali che incombono (cambiamento climatico, pandemie, disuguaglianze, migrazioni,…) e di proteggere le persone e le popolazioni indifese e di soccorre le vittime; di promuovere l’istituzione dell’Assemblea Parlamentare delle Nazioni Unite; di promuovere il trasferimento della sede principale dell’Onu a Gerusalemme facendo di questa città la capitale della pace e della riconciliazione, la capitale di due popoli e due Stati aperta a tutte le religioni e le nazioni del mondo.

Anche Cervia, inoltre, aderisce alla Marcia Perugia-Assisi della Pace e della Fraternità dell’11 ottobre 2020 e contribuisce alle attività nazionali di organizzazione, promozione e coordinamento versando 500 euro al Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace; oltre a questo, promuove sul proprio territorio, in occasione del prossimo anno scolastico, un programma di educazione civica che includa la promozione tra le giovani generazioni dei valori costituzionali e universali della pace, della giustizia, della dignità umana, della tolleranza e della solidarietà, lo studio della Lettera Laudato sì di Papa Francesco e dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto contro un albero: perde la vita un giovane di 22 anni

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Vivere in montagna, l'opportunità diventa realtà per 341 giovani coppie e famiglie

  • Troppe persone nel negozio di alimentari: chiuso per 5 giorni

Torna su
RavennaToday è in caricamento