rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Politica

Si eleggono i consigli territoriali: al voto anche i 16enni e i cittadini stranieri residenti

Domenica 3 aprile dalle 8 alle 18 si vota per rinnovare i dieci consigli territoriali di Ravenna: Centro Urbano, Ravenna Sud, Darsena, Sant’Alberto, Mezzano, Piangipane, Roncalceci, San Pietro in Vincoli, Castiglione di Ravenna e del Mare

Domenica 3 aprile dalle 8 alle 18 si vota per rinnovare i dieci consigli territoriali di Ravenna: Centro Urbano, Ravenna Sud, Darsena, Sant’Alberto, Mezzano, Piangipane, Roncalceci, San Pietro in Vincoli, Castiglione di Ravenna e del Mare.

Chi può votare

Possono votare tutti i cittadini, italiani e stranieri, che abbiano compiuto 16 anni e che risultino residenti nel comune di Ravenna alla data del 19 marzo 2022.

Come e dove si vota

Si può votare solo nella giornata del 3 aprile, dalle 8 alle 18, presentando un documento di riconoscimento con foto. Non occorre la tessera elettorale. Ogni elettore avrà a disposizione una scheda sulla quale tracciare un segno sul simbolo prescelto ed apporre una croce di fianco al nome per il quale si vuole esprimere preferenza. Si possono scegliere un singolo candidato o una singola candidata, oppure due purché siano un uomo e una donna ed appartengano alla stessa lista.

Si voterà in 38 seggi che non coincidono, in molti casi, con quelli utilizzati solitamente per le elezioni. Per sapere dove andare a votare si può inviare una mail a elettorale@comune.ra.it o decentramento@comune.ra.it; contattare l’ufficio elettorale allo 0544482283 o l’ufficio decentramento allo 0544482269 oppure verificare a quale seggio corrisponde quello indicato nella tessera elettorale attraverso la tabella presente nel volantino scaricabile da questo link: https://bit.ly/tabella-seggi.

Chi non è maggiorenne voterà nel seggio dei genitori/genitore con i quali vive, presentando un documento di riconoscimento con foto, dal quale si evinca la residenza.

Chi può essere eletto

Per essere eleggibili bisogna avere compiuto 16 anni al 17 febbraio 2022. Possono essere eletti sia italiani che stranieri residenti nell’area territoriale interessata; possono essere eletti anche i non residenti che dichiarino l’esercizio della propria attività prevalente di lavoro o studio nel comune di Ravenna, nell’area territoriale di pertinenza, o che abbiano risieduto nella medesima per almeno dieci anni. Solo per le elezioni del 2022, possono essere eletti anche i soggetti non residenti che siano componenti uscenti nel medesimo consiglio territoriale. Le candidature devono essere raggruppate in una o più liste. Le liste non devono avere un numero di candidati inferiore a 5 nei Consigli territoriali con 13 rappresentanti e non inferiore a 7 nei restanti Consigli territoriali. Le liste devono rispettare la parità di genere (in analogia alle elezioni del Consiglio comunale nessuno dei due sessi può essere rappresentato in misura superiore a due terzi, con arrotondamento all’unità superiore per il genere meno rappresentato); è ammessa la candidatura esclusivamente per un consiglio territoriale. Le liste devono essere presentate da un rappresentante indicato dai sottoscrittori, presso il servizio Decentramento, dalle 9 del 4 marzo alle 12 del 9 marzo.

Cosa sono i consigli territoriali

L’istituzione dei consigli territoriali, il loro ruolo e funzionamento, nonché le modalità di elezione, sono sanciti da un apposito regolamento, la cui versione ultima è stata approvata dal consiglio comunale lo scorso 18 gennaio. Si tratta di organismi di partecipazione a base volontaria e territoriale, uno per ciascuna delle dieci aree nelle quali è articolato il territorio del comune di Ravenna: Centro Urbano, Ravenna Sud, Darsena, Sant’Alberto, Mezzano, Piangipane, Roncalceci, San Pietro in Vincoli, Castiglione di Ravenna e Del Mare. Tali organismi hanno un ruolo preziosissimo, essendo punto di riferimento per tutti i residenti del territorio comunale: valorizzano e promuovono la partecipazione dei cittadini, degli organismi e delle libere forme associative alla gestione della cosa pubblica; nell’ambito degli indirizzi politici dell’Amministrazione comunale esercitano le proprie funzioni consultive e propositive; rappresentano un importantissimo canale di comunicazione, attraverso il quale i cittadini possono tenere aperto il dialogo con il Comune sui principali temi di ciascun territorio.

Sono composti da un numero variabile di consiglieri territoriali, sulla base del numero di abitanti delle rispettive aree: 13 per le aree territoriali di Sant’Alberto, Mezzano, Piangipane, Roncalceci, San Pietro in Vincoli, Castiglione; 17 per le aree territoriali Darsena e Del Mare; 19 per le aree territoriali Centro Urbano e Ravenna Sud. I seggi sono ripartiti secondo il criterio proporzionale in relazione ai voti conseguiti dalle singole liste concorrenti. Ciascun consiglio territoriale rimane in carica per un periodo di cinque anni, corrispondente a quello del consiglio comunale, ed esercita le sue funzioni fino all’insediamento del nuovo consiglio territoriale. Gli eletti esercitano la loro attività in modo volontario e assolutamente gratuito.

Per tutte le informazioni, sia sulla presentazione delle candidature che sulle modalità di voto: https://www.comune.ra.it/il-comune/decentramento/elezioni-consigli-territoriali-2022/

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si eleggono i consigli territoriali: al voto anche i 16enni e i cittadini stranieri residenti

RavennaToday è in caricamento