Coronavirus, Ancisi (LpR): "Riaperti i fioristi ma non i cimiteri"

Lo dichiara Alvaro Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna in consiglio comunale.

"Tutti i servizi pubblici più o meno vietati da decreti, ordinanze o talune loro applicazioni, ma che non comportano di per stessi rischi di assembramento e difficoltà a mantenere la distanza di sicurezza dal covid-19, stanno tornando fruibili in questi giorni, eventualmente con prescrizioni da osservare. I possessori degli orti per l’autoconsumo sono tornati a coltivarli e a curarli così che tutto non marcisca o si secchi. Sotto determinate regole possono funzionare i mercati in strutture coperte o perimetrate ed altri per la vendita di prodotti alimentari. Da lunedì saranno ripristinate, su prenotazione, la vendita di cibo da asporto e la toelettatura degli animali di compagnia". Lo dichiara Alvaro Ancisi, capogruppo di Lista per Ravenna in consiglio comunale.

"Il presidente della Regione ha riaperto, con l’ordinanza di giovedì scorso, anche i negozi di fiori. Con quella dell’11 aprile, aveva però mantenuti chiusi al pubblico i cimiteri, massimi destinatari di questi prodotti, cosicché i chioschi piazzati agli ingressi del cimitero monumentale di Ravenna e quelli presso i molti camposanti delle frazioni di campagna e del litorale non hanno ragione di riaprire. Per non dire della sofferenza di molte persone impedite ad esprimere un gesto di amore verso i loro defunti andando a visitarli con un fiore un mano o recitando una prece. Quasi che il virus possa uccidere anche la pietà".

"I cimiteri non sono luoghi ordinari di assembramento ed hanno larghi spazi in cui i visitatori possono facilmente tenersi a distanza, molto più che nei supermercati e in altri luoghi e locali accessibili al pubblico. Non esito, per mia  frequentazione, a ritenere il cimitero di Ravenna uno dei posti più sicuri dal contagio, solamente che ci si tenga a sufficiente distacco. Basterebbe se mai disciplinarne l’affluenza e gli spostamenti interni (persone singole e a due metri dagli altri? mascherina? guanti?, ingressi limitati nei piccoli cimiteri?: quello che si vuole). Bonaccini e De Pascale riflettano che aver riaperto i fioristi tenendo chiusi i cimiteri è per lo meno una contraddizione".

"Due sono le strade agibili, tra quelle praticate: come Bonaccini, dopo l’ordinanza dell’ 11 aprile, ha prodotto quella del 23 e adesso quella del 27, può farne un’altra per il 28; il Comune può emettere un’altra “ordinanza” a firma di un funzionario, dopo quella di ieri che ha imposto l’ingresso alternato negli orti comunali, una durata massima di stazionamento, ecc.: siccome anche i cimiteri sono comunali, il prefetto potrà accettare, per opere di bene e di pace, anche questa. Siamo solo materia? Molti uomini e donne credono o almeno sperano diversamente. Sono convinto quasi tutti, anche se non lo sanno" conclude Ancisi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Lo sfogo di una parrucchiera: "Salone anti-covid, ma le miei clienti non possono più venire"

  • Troppe persone nel negozio di alimentari: chiuso per 5 giorni

Torna su
RavennaToday è in caricamento