menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, Esposito (Articolo Uno): "Sicurezza dei lavoratori al primo posto"

Esposito chiede che si costituisca in Provincia un tavolo a cui partecipino i sindaci, il Prefetto, il sindacato, le organizzazioni economiche e sociali, il rappresentante dell'Abi, la Regione

"Subito un tavolo per progettare la ripartenza. Sicurezza di chi lavora al primo posto". A chiederlo è Domenico Antonio Esposito, segretario comunale di Articolo Uno Ravenna. "Ricordiamoci che la priorità assoluta è la salute dei cittadini e, anche se tutti noi auspichiamo che si decida di allentare la stretta il prima possibile, questo dovrà accadere compatibilmente alle indicazioni degli scienziati: essere frettolosi proprio ora, metterebbe a repentaglio i sacrifici fatti e ci esporrebbe ad ulteriori, insopportabili e dolorose perdite e rischierebbe di mettere in pericolo la stessa apertura delle 27.000 imprese che in provincia di Ravenna stanno lavorando - puntualizza Esposito - La priorità immediata è intervenire sull’emergenza economica sociale, dando piena attuazione alle misure messe in moto dal Governo e dalla Regione come il reddito di emergenza per i lavoratori e le fasce più deboli, l’accesso cassa integrazione e alla liquidità per le imprese. Tuttavia, dobbiamo subito ragionare sulla ripartenza, capire come affrontare e uscire in fretta dalla crisi economica che ci troveremo a fronteggiare senza dimenticare che quella sanitaria non è ancora conclusa: siamo ancora sul crinale, a metà del guado".

"L’amministrazione comunale e la Prefettura hanno già coinvolto le forze economiche e sociali sull'emergenza Coronavirus sul tema della sicurezza nei luoghi di lavoro per rendere possibile la riapertura di tante imprese - continua Esposito - Rafforziamo questa scelta, spingendo affinché si costituisca in Provincia un tavolo a cui partecipino i sindaci, il Prefetto, il sindacato, le organizzazioni economiche e sociali, il rappresentante dell'Abi, la Regione, che ha notevoli competenze in materia per affrontare organicamente la successiva ripartenza, dando seguito all’iniziativa del presidente Bonaccini e dell’assessore Colla di istituire il tavolo regionale del Nuovo Patto per il lavoro, con il compito di concentrarsi sulle modalità di convivenza con il coronavirus e sulla strategia per rilanciare lo sviluppo e la buona occupazione. Costruiamo, insieme a tutti i soggetti in campo una strategia per ripartire. Serve una regia comune, che si attenga al perimetro del Governo e alle indicazioni della Regione. Collaborazione e unità saranno fondamentali. Stiamo attenti però, i tecnici ci stanno spiegando come i luoghi di lavoro siano tra quegli ambienti maggiormente soggetti e sensibili al contagio. Non possiamo permetterci una seconda ondata epidemica in coincidenza con l’estate che ci farebbe regredire immediatamente alla fase uno. Il tema della sicurezza sul lavoro non è solo un problema delle imprese e dei lavoratori, ma di tutti noi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento