menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Critiche sulle dimissioni di Ranalli: "Ci sono altre motivazioni dietro questo abbandono?"

E la Lega aggiunge: "Credo che la scelta più corretta, soprattutto nei confronti dei cittadini, sarebbe quella di sciogliere l’Unione"

Le dimissioni di Davide Ranalli da presidente dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna continuano a far discutere. "Ranalli, eletto solo qualche mese fa, sosterrebbe di dover privilegiare il rapporto con i cittadini di Lugo e che in ragione di ciò non potrebbe svolgere il ruolo di coordinamento delle attività dell’Unione e dei Comuni che lo compongono legato al ruolo di Presidente, mancando così il suo intento di dare alla comunità una maggiore unità dei territori - commentano Valeria Ricci e Tiziano Bordoni, coordinatori del Partito di rifondazione comunista della Bassa Romagna - Poiché nulla è mutato nei ruoli e nelle persone dei Sindaci che compongono la giunta dell’Unione dal momento della nomina, perché questa scelta in netto contrasto con il trionfale discorso di insediamento che Ranalli pronunciò? Noi del Partito Della Rifondazione Comunista della Bassa Romagna ci domandiamo: ci sono altre motivazioni per questo abbandono repentino della presidenza e quale sarà il futuro dell’Unione se la situazione è tanto difficile da governare?".

"A questo proposito vorremmo tornare a sottolineare la scarsa vicinanza dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna ai cittadini sia dal punto di vista del funzionamento tecnico sia da quello politico, nonché i gravi limiti di un sistema di rappresentanza di secondo livello, inadeguato ad esprimere la complessità del quadro politico dei nostri territori, che ha prodotto mutilazioni alla rappresentanza plurale escludendo forze politiche radicate sui territori e a questo punto incapace anche di governare eventuali contrasti tra la maggioranza di governo dell’Ente - concludono i due - Queste dimissioni repentine e le schermaglie politiche conseguenti di difficile risoluzione non aiutano la credibilità istituzionale dell’Ente. Auspichiamo che il prossimo presidente dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna comprenda la necessità di coordinare le attività in modo sereno e proficuo per i cittadini e per i Comuni membri, altrimenti è prevedibile che si apriranno a breve inediti e preoccupanti scenari per il futuro dell’Unione stessa".

"Le dimissioni da presidente dell’unione dei comuni Davide Ranalli non sono che l’ennesima conferma delle scelte sbagliate del Pd di aver voluto creare l’Unione dei Comuni - aggiunge Samantha Gardin, segretario provinciale della Lega - Già quando furono prese quelle decisioni noi come Lega ci siamo sempre opposti, in quanto non si trattava di un organismo per sburocratizzare e semplificare procedure e andare incontro alle esigenze dei cittadini, ma solo un carrozzone per sistemare esponenti e amministratori del PD. Il risultato è sotto gli occhi di tutti, ovvero nessun beneficio per la comunità. Ormai assistiamo a un Pd in completo affanno su tutti i fronti sempre più spaccato, ma soprattutto ormai senza più speranze. Credo che la scelta più corretta, soprattutto nei confronti dei cittadini, sarebbe quella di sciogliere l’Unione. Il Pd ha fallito, se ne deve rendere conto e quindi la smetta di cercare soluzioni tampone che portano solo ulteriori costi e aggravi a tutta la collettività”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento