rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Politica

Cultura, Verlicchi (La Pigna): "Tutto da rifare dopo l'ennesimo flop"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

La cultura é inequivocabilmente uno dei pilastri del regime asfissiante del Partito Democratico a carico di Ravenna. La gestione totalmente scriteriata del duo de Pascale-Signorino ha prodotto effetti negativi son da primissimi giorni dopo l’inserimento dello stesso de Pascale, culminata in una terrificante serie di veri e propri fallimenti. L’ultimo, ma solo in ordine cronologico, é la gestione degli eventi per il settimo centenario della morto di Dante Alighieri. All’interno dello scarno cartellone messo faticosamente in piedi dal solito duo de Pascale-Signorino, uno degli eventi più importanti doveva essere la mostra intitolata “Le arti al tempo dell'esilio". In realtà un vero e proprio flop, peraltro annunciato. In 65 giorni di apertura al pubblico, dall’'8 maggio all’11 luglio, i paganti sono stati solo 2.867 di cui solo 521 a biglietto intero. I restanti 2.346 sono tutti biglietti ridotti. Ben pochissima cosa, anzi, dati di cui vergognarsi se  rapportati agli oltre 40.000  visitatori della mostra di Forli denominata "Dante. La  visione dell'arte " aperta dal 30 aprile al giorno 11 luglio. L'incasso totale dei biglietti venduti é stato di appena 22.000 euro di cui 11.000 euro, in virtù dell’accordo fermamente voluto da de Pascale, vanno nelle tasche della Fondazione Ravennantica. Eppure de Pascale, in occasione dell'inaugurazione della al mostra dantesca, aveva dichiarato: “Oggi inauguriamo uno degli eventi espositivi più prestigiosi della nostra città, ma anche più prestigiosi del nostro Paese riguardo alle celebrazioni dantesche". Evidentemente i turisti ed i ravennati lo hanno clamorosamente smentito: non la pensano come lui. Che il programma dantesco per le celebrazioni dei 700 anni della morte del Sommo Poeta fosse davvero di scarsa qualità e quindi di scarsa attrattiva per cittadini e turisti lo avevamo detto sin da subito. Era, purtroppo, fin troppo evidente. La gestione della cultura a Ravenna dovrà essere completamente reimpostata al fine di rivitalizzare il tessuto culturale ravennate accendendo nuove ed importanti opportunità con beneficio anche sulla nostra economia cittadina. 

Veronica Verlicchi, candidata sindaco alleanza civica La Pigna


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cultura, Verlicchi (La Pigna): "Tutto da rifare dopo l'ennesimo flop"

RavennaToday è in caricamento