menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Daini in pineta, Piccinini (M5S): "Spostare gli animali, non abbatterli"

Per la consigliera, l'eventuale operazione per "liberare" le pinete da questi cervidi "può e deve avvenire con forme e interventi diretti allo spostamento degli animali e non all’abbattimento"

"Sta destando legittima attenzione e crescenti preoccupazioni la discussione sulle modalità (soluzioni tecniche) per 'eradicare' (questo il termine utilizzato) la presenza dei daini dalle pinete ravennati, nelle quali da molto tempo si è insediato un nucleo di significativa consistenza". Con questo incipit Silvia Piccinini, consigliera regionale del Movimento 5 stelle, apre l'interrogazione che rivolge alla Giunta regionale su una questione di grande attualità e chiede specifiche tutele per le colonie di daini presenti nelle foreste litoranee ravennati.

Per la consigliera, l'eventuale operazione per "liberare" le pinete da questi cervidi "può e deve avvenire con forme e interventi diretti allo spostamento degli animali e non all’abbattimento: è questa un’esigenza chiara e imprescindibile". Piccinini, poi, ricorda ed elenca tutta una serie di soluzioni che potrebbero essere adottate in questo caso: dissuasori e ultrasuoni in primis. L'esponente 5 Stelle sottolinea quindi come il terreno in cui vivono i daini sia parte del Parco del Delta del Po e "la tutela di questo fondamentale patrimonio naturale richiederebbe comunque misure dirette a limitarne efficacemente i confini, sia con recinzioni materiali sia con altre soluzioni ecologiche di riconosciuta efficacia".

Stante la situazione creatasi e in attesa dello svolgimento di una "riunione regionale proprio sulle modalità di intervento rispetto al problema evidenziato", la consigliera auspica che si possa trovare una soluzione che permetta ai daini di rimanere in tali habitat, richiede anche alla Giunta se "intenda sostenere l’adozione di soluzioni ecologiche che innanzitutto prevedano il contenimento dei daini all’interno delle aree forestali litoranee, impedendone lo sconfinamento". Nel caso poi perdurasse la decisione di eradicare la presenza dei daini dalle pinete litoranee, Piccinini chiede che si proceda "esclusivamente con modalità incruente tali da evitare qualsiasi abbattimento".

La risposta dell'assessore

“Vogliamo affrontare il tema del sovraffollamento dei daini - spiega l’assessore regionale all’Agricoltura, Alessio Mammi - in un modo diverso e che non preveda alcun abbattimento dei capi. Per questo abbiamo chiesto la collaborazione di Ispra perché valuti un piano sperimentale per lo spostamento degli animali dalle pinete degli areali storici, ad altre aree della regione dove possono trovare habitat privilegiati e dove la loro presenza si situa in un contesto di ecosistema in equilibrio: per noi è l’unica soluzione in campo, peraltro già adottata in altri territori italiani”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Domotica

Le cappe da cucina ideali per una casa smart

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento