menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo le dimissioni di Svezia nasce il nuovo gruppo consiliare 'Insieme per Cervia'

"Uno degli aspetti più importanti, sul quale occorre provare a trovare soluzioni, sarà sicuramente il tema dell’economia e quindi delle politiche a sostegno delle imprese e delle attività economiche"

Dopo le dimissioni del capogruppo Pd a Cervia Antonio Emiliano Svezia, nasce il nuovo gruppo consiliare 'Insieme per Cervia', del quale Svezia sarà capogruppo. "Il gruppo intende continuare a sostenere la piena realizzazione del mandato del sindaco Medri, in base al quale siamo stati eletti dai cittadini - spiega Svezia - Sicuramente quello che faremo con più attenzione rispetto all’operato da singoli consiglieri è muoverci con la massima coesione sui temi strategici per la città in questa fase di difficoltà generale, sia economica che sociale. Intendiamo essere collaborativi con i diversi gruppi facenti parte della maggioranza e certamente parteciperemo ai tavoli istituzionali per portare idee all’operato della giunta. Dunque, mettendo al centro il programma di mandato del sindaco. Il nuovo gruppo consiliare nasce per corrispondere ai fabbisogni del territorio cervese nel suo senso più ampio e inclusivo, dall’entroterra alla costa. Fabbisogni consolidati della cittadinanza cervese ma anche nuovi, dettati dal cambiamento sociale ed economico che la città sta affrontando in correlazione con l’emergenza sanitaria causata dalla pandemia da Coronavirus, che ha posto all’attenzione di tutti la criticità dei sistemi su cui la nostra comunità è fondata, e che è causa di stravolgimento negli stili di vita della gente, tale da necessitare di una speciale attenzione al tema della sicurezza a “tutto tondo”. Si tratta di un gruppo “civico” e non politico, in quanto intende esprimere una vocazione allargata di pensiero, focalizzata sugli interessi di Cervia in tutte le sue località".

"Una coalizione rivolta a soddisfare bisogni che la cittadinanza avverte e che oggi richiedono approcci nuovi, possibili solo con una visione che riscopra quei valori di civismo allargato, che mette al centro il bene comune e l’individuo, che devono oggi più che mai alimentare la politica, perché essa sia sostanzialmente rivolta a contribuire al progresso economico e sociale dei cittadini - continua il consigliere - Non lasciare indietro nessuno ma porre l’accento sull’economia come motore per garantire un benessere sociale diffuso. Perché quei valori siano effettivi, e vissuti con fiera partecipazione, necessitano di un approccio nuovo in chi ha il nobilissimo impegno di tradurli in azioni concrete sul territorio, altrimenti essi saranno svuotati di ogni significato ed i giovani ne perderanno la percezione della bellezza e della forza, indispensabili per una società libera e giusta, nella quale tutti, senza eccezione alcuna, possano vivere e progredire, inseguendo aspirazioni, sogni e felicità. Il nuovo gruppo propone un progetto, quello di consentire a tutti i cittadini di partecipare attivamente ad individuare le esigenze, le priorità e le modalità migliori per soddisfare il bene comune. Questi momenti rappresentano una concreta attuazione di tante tematiche, apparentemente risolte, come la parità di genere, la tutela dei più deboli, la possibilità di un lavoro che garantisca tenore di vita dignitoso e momenti di realizzazione personale. Nell’immediato futuro, il tema della comunità, rappresenterà quello che il  nuovo gruppo consiliare porrà all’attenzione propria e di tutti gli enti rappresentativi del territorio, perché la realtà maturata con l’emergenza, potrà portare a soluzioni positive  solo trovando le modalità che consentiranno di valorizzare i patrimoni, che Cervia, in tutto il suo territorio ha accumulato in  tutti i settori economici, da  quello industriale a quello turistico, dal mondo dell’artigianato alle risorse agricole, ricorrendo a  visioni nuove, fondate sulla competenza, sull’impegno, sul coraggio e sulla responsabilità. L’emergenza sanitaria che il mondo sta affrontando, segnerà uno spartiacque tra il prima e il dopo e la nuova frontiera sarà percorsa e conquistata, non ricorrendo alla pratica dell’assistenzialismo, funzionale al consenso politico, da ricercare non offendendo la dignità delle persone, né con il conservatorismo di chi finge di cambiare tutto perché tutto rimanga immutato. Il nuovo gruppo nasce all’insegna dell’impegno e del confronto costante con i cittadini, affinché tutti, senza eccezione alcuna, trovino ascolto per le loro esigenze e la certezza che le scelte saranno orientate a soddisfarle o quantomeno a renderle compatibili con quelle di tanti altri cittadini, uniti dal senso civico di una comunità, fiera dei valori che da sempre costituiscono patrimonio culturale e sociale, da accrescere e consolidare, anche per le generazioni future".

Insieme per Cervia è aperta all’adesione di altri consiglieri comunali di Cervia. "Collabora ed è disponibile al dialogo con tutti coloro che intendono contribuire alla realizzazione delle sue finalità. Aperta a una rete di cittadine e cittadini, amministratrici e amministratori locali, provinciali, regionali e nazionali che riconoscendosi nelle finalità intendono portare il loro contributo e collaborare sul piano politico, culturale e sociale. I partecipanti si impegnano a promuovere e a collaborare lealmente con gli altri esponenti che si rendono disponibili a contribuire nelle scelte programmatiche e negli indirizzi politici. Per questi motivi ritiene per la nostra città di perseguire, con le modalità che ritiene più opportune, le seguenti politiche programmatiche che per alcune di esse sono anche parte integrante del mandato amministrativo del sindaco: politiche di comunità e vicinanza ai cittadini; sicurezza e protezione civile; valorizzazione dell’entroterra e delle aree artigianali; turismo, ambiente, sport, cultura e sostenibilità. Il gruppo si colloca attualmente nella maggioranza di governo, come fatto fino ad oggi dagli stessi consiglieri comunali e se ci saranno le condizioni politiche all’interno di questo tavolo della maggioranza si continuerà insieme, con il sostegno al mandato del sindaco. Ma uno degli aspetti più importanti, sul quale occorre provare a trovare soluzioni, in autunno, oltre ad altre importanti questioni (scuola, partecipazione attiva dei cdz, della sicurezza…etc) sarà sicuramente il tema dell’economia e quindi delle politiche a sostegno delle imprese e delle attività economiche e a seguire il rilancio del turismo,  enfatizzando la rete dei servizi con Ravenna che dispone di un patrimonio culturale strategico anche per il turismo cervese. Perché sono questi temi, tra gli altri, prioritari rispetto al quale si deve avere una visione nuova e una prospettiva a lungo respiro per permettere quella ripresa e ripartenza che di fatto si dovrà costruire insieme a tutte le forze economiche della nostra città".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento