"E' tempo di scegliere e di confermare i valori che hanno fatto grande Ravenna"

Michele de Pascale indirizza un appello al voto agli elettori delle liste che non sono arrivate al ballottaggio.

E’ un appello al voto a tutti gli effetti quello che Michele de Pascale rivolge agli elettori di Ravenna in Comune, CambieRà e Pigna.
“Alla vigilia di un ballottaggio determinante per il futuro della nostra città e dei nostri cittadini – scrive il candidato del centrosinistra in una nota -, tante sono le voci autorevoli che dalla società civile, dal mondo della cultura e dell’associazionismo, uno su tutti il giudice Roberto Riverso - che ringrazio sentitamente - si stanno esprimendo in difesa dei valori che sono alla base della cultura democratica e antifascista della comunità ravennate.
Comprendo e condivido la scelta di Ravenna in Comune, così come fra l’altro quella di Cambierà e della Pigna, di non dare indicazioni di voto ai loro elettori. I voti dei cittadini non sono di proprietà di nessuno e la libertà di coscienza è sacrosanta, in questo senso, ringrazio chi mi ha già manifestato il suo sostegno e rispetto chi sceglierà consapevolmente di annullare il voto e chi è ancora indeciso.
Tuttavia voglio parlare proprio a quelle coscienze che nell’esercitare la loro libertà, hanno oggi la possibilità di scegliere e di proteggere quei valori di democrazia, uguaglianza e solidarietà minacciati in tutta Europa dalle destre estreme, incarnate in Italia e a Ravenna dalla Lega Nord e da Fratelli d’Italia.
A queste cittadine e cittadini ribadisco il mio totale impegno di ascolto, coinvolgimento e trasparenza, non solo nelle sedi istituzionali, ma anche attraverso quotidiani momenti di incontro e confronto per poter costruire insieme la Ravenna del futuro.   
Ma più di tutto oggi voglio dire che Ravenna merita di portare avanti quel patrimonio di valori di antirazzismo, antifascismo, laicità delle istituzioni, solidarietà, lotta alla povertà e alle diseguaglianze, difesa della qualità e della sicurezza del lavoro, alla base della sua storia e della sua identità. Il cambiamento che vogliamo per questa città non può prescindere da questi valori. Seminare odio e paura, privatizzare l’acqua e mettere in discussione la libertà di culto sono al contrario cambiamenti di cui proprio non si sente il bisogno.
Purtroppo anche a Ravenna abbiamo assistito in questi anni a fatti molto preoccupanti, come ad esempio il raduno in memoria del gerarca Ettore Muti, e serve un’Amministrazione che non abbia alcuna ambiguità nel difendere la memoria dei nostri eroi e contrastare, con i mezzi fra l’altro previsti dalla legge italiana, fatti di questa inaudita gravità.
Mi auguro nei prossimi 5 anni di riconquistare la fiducia di tutti i cittadini, grazie ad un cambio di passo nell’azione di governo, ma oggi più che mai è anche il tempo di scegliere e confermare i valori che hanno fatto grande Ravenna”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento