rotate-mobile
Politica

Edificio in via Oberdan, la Provincia replica a Spadoni: "Ipotesi ristrutturazione superata"

La Provincia replica al capogruppo UDC del consiglio provinciale, Gianfranco Spadoni, che ha esposto il tema sull’acquisto, avvenuto anni fa da parte della Provincia, di un immobile di via Oberdan a Ravenna

La Provincia replica al capogruppo UDC del consiglio provinciale, Gianfranco Spadoni, che ha esposto il tema sull’acquisto, avvenuto anni fa da parte della Provincia, di un immobile di via Oberdan a Ravenna, già appartenente ai Frati Minori Cappuccini, che doveva essere destinato all’ampliamento del Liceo Scientifico, ma tuttora inutilizzato. Spadoni, esordisce la Provincia, "nel ricostruire la vicenda, sorvola su aspetti essenziali, per  dimostrare l’inadeguatezza della programmazione dell’edilizia scolastica in capo alla Provincia".

La Provincia sottolinea che "è vero che nel 2004 il Consiglio provinciale deliberò l’acquisto dell’immobile, ma l’alienazione fu perfezionata solo nell’agosto 2007. Il tempo intercorso per il perfezionamento del rogito fu dovuto alla necessità di modifica del piano regolatore, all’autorizzazione degli organi religiosi alla vendita, alle procedure catastali per separare la porzione acquistata, all’autorizzazione della Soprintendenza alla vendita, procedure, fra l’altro, di competenza della parte venditrice e non della Provincia. Subito dopo, nel novembre 2007, fu approvato dalla Giunta il progetto definitivo della sistemazione dei locali ad uso scolastico per un importo di 1.400.000 euro".

"Gli uffici si attivarono immediatamente per la progettazione esecutiva ottenendo, fra luglio ed agosto 2008, il parere positivo da parte della Soprintendenza ai beni culturali e dell’Ausl - chiarisce la Provincia -. In quella fase, e quindi ben quattro anni dopo quanto vuol far intendere Spadoni, si facevano ben sentire i vincoli del patto di stabilità e di fatto non erano utilizzabili le risorse disponibili per quell’investimento; si decideva pertanto di sospendere le attività finali di approvazione del progetto esecutivo e di gara di appalto".

"Quanto al pagamento di affitti di aule presso altre sedi, non relativo peraltro allo Scientifico, in tutto questo periodo è avvenuto in un’unica situazione e per un solo anno, per fare da ponte verso una nuova soluzione non onerosa - aggiunge la Provincia -. Diversamente da quanto ritiene Spadoni, la Provincia ricerca le soluzioni al tema complesso della programmazione dell’edilizia scolastica, soggetto a continue variazioni della domanda, con un attento monitoraggio e con la stretta collaborazione di Comuni e Università".

"Grazie a queste collaborazioni, l’anno prossimo saranno a disposizione della Scuola superiore 5 aule nel Palazzo Verdi dell’Università in via Pasolini, senza oneri di locazione - evidenzia l'amministrazione -. In prospettiva si libereranno numerose aule attualmente utilizzate dall’Università al Perdisa, che consentiranno soluzioni soddisfacenti e non onerose. In questo quadro ampiamente mutato, l’ipotesi di ristrutturazione dell’immobile di via Oberdan è oggettivamente superata. Si valuterà, anche qui d’intesa con il Comune, un’ipotesi di cambio di destinazione d’uso in vista di una successiva vendita.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Edificio in via Oberdan, la Provincia replica a Spadoni: "Ipotesi ristrutturazione superata"

RavennaToday è in caricamento