Edilizia scolastica, M5S: "In provincia arrivano 4 milioni per la sicurezza delle scuole"

"Il provvedimento assegna agli enti locali complessivamente 855 milioni di euro per interventi di manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico delle scuole secondarie di secondo grado"

"Più di 58 milioni di euro per la sicurezza delle nostre scuole: è la cifra contenuta nel decreto interministeriale firmato in questi giorni dalla ministra Lucia Azzolina e ora controfirmato dal ministro dell’Economia e delle Finanze", A sottolinearlo è il gruppo assembleare del M5S in Regione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il provvedimento assegna agli enti locali complessivamente 855 milioni di euro per interventi di manutenzione straordinaria ed efficientamento energetico delle scuole secondarie di secondo grado. Per gli istituti dell’Emilia-Romagna le risorse a disposizione ammontano a 58.040.078 milioni di euro così suddivisi per le varie province: a Bologna vanno 11.815.048 seguita da Modena con 10.135.417 e Reggio Emilia con 6.958.631. Parma riceve 5.454.660 mentre per le province di Ferrara e Forlì-Cesena le risorse a disposizione ammontano rispettivamente a 5.132.674 e 5.089.290. Piacenza riceve 4.405.682, Ravenna 4.416.860 e Rimini 4.431.812. “La scuola deve essere prima di tutto un luogo sicuro, ma non sempre in passato, purtroppo, lo è stato – spiega Silvia Piccinini, capogruppo regionale del Movimento 5 Stelle – Adesso grazie all’azione del Governo e della ministra Azzolina si sta cercando di sanare gravi lacune che abbiamo ereditato nel settore dell’edilizia, investendo in sicurezza e innovazione. Le risorse messe oggi a disposizione sono un primo e importante passo in questa direzione. Il prossimo sarà il Recovery Fund: buona parte delle risorse europee dovranno servire a migliorare il sistema dell’istruzione, anche per rendere più vivibili, confortevoli e moderni gli ambienti di apprendimento dove studiano i nostri ragazzi” conclude Silvia Piccinini.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Il Coronavirus torna nelle case di riposo: positivi 14 anziani e 3 oss

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento