Politica

Elezioni, Nicola Grandi è il capolista di Viva Ravenna: "Occorre il coraggio di cambiare quello che non va bene"

Nicola Grandi, presidente del consiglio territoriale Darsena, entra tra le fila di Viva Ravenna proponendosi come capolista a sostegno della candidatura a sindaco di Filippo Donati

Nicola Grandi - presidente del consiglio territoriale Darsena che nel novembre scorso è passato da Lista per Ravenna al gruppo 'Ora' - entra tra le fila di Viva Ravenna, proponendosi come capolista a sostegno della candidatura a sindaco di Filippo Donati. "Sono particolarmente lieto di annunciare l'ingresso nella lista di Nicola Grandi - ha annunciato Donati presentandolo all'osteria della Zabariona venerdì mattina - persona di grande competenza e passione a cui mi legano amicizia, stima ed esperienze comuni a tema sociale. Il suo contributo sarà prezioso, oltre che per le qualità personali, per la sua già lunga esperienza politica".

Grandi, nato a Ferrara il 27 novembre 1969, è agente di assicurazioni da oltre 30 anni e promotore finanziario, titolare di una ditta di assicurazioni e di una società di servizi. Sportivo, è stato arbitro di pallavolo a livello regionale; è appassionato di bicicletta. E' impegnato in ambito politico locale, sempre in ambito civico da oltre 20 anni, prima come consigliere territoriale, poi come consigliere comunale e membro della commissione elettorale ,e infine come presidente (tuttora in carica) del consiglio territoriale dell’area 3 Darsena. Si dichiara grande amante della sua città, alla quale dedica energia e impegno; è attivo nel mondo del volontariato dapprima come Presidente e attualmente in qualità di Vicepresidente dell’associazione culturale Ravenna Centro Storico, della quale è co-fondatore e militante della prima ora. Mette a disposizione della lista Viva Ravenna l’esperienza maturata in ambito politico e amministrativo: ricoprirà il ruolo di responsabile della campagna elettorale e di coordinatore organizzativo dei candidati.

"Una alternativa al governo della città è un'evoluzione neceessaria - dice Grandi - non per sovvertire quanto è stato fatto, ma perchè dopo troppi decenni è inevitabile che si sia cronicizzato un sistema, ed è ora di mettere in campo anche qualcosa di diverso. E' ora che il cittadino e di Ravenna trasferisca in politica la sua visione della città e si faccia interprete delle sue esigenze. Da consigliere territoriale metto in primo piano il valore della partecipazione alle scelte, alla cura e con la passione per la città. Occorre il coraggio di indicare e cambiare quello che non va bene; lo sviluppo deve partire dai criteri di partecipazione e innovazione. Un esempio, il quartiere Darsena: è il punto di maggior sviluppo potenziale cittadino, eppure gli interventi sono estemporanei e slegati tra di loro. Non c'è una visione, non c'è un coraggio, una progettualità coerente, un visione da trasmettere nel futuro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Nicola Grandi è il capolista di Viva Ravenna: "Occorre il coraggio di cambiare quello che non va bene"

RavennaToday è in caricamento