rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Politica

Elezioni amministrative, Ancarani (FI) sull'alleanza Pd-5 stelle: "De Pascale è terrorizzato dall'idea di perdere"

Il candidato sindaco di Forza Italia critica l'attuale primo cittadino: "Se è disposto a farsi sostenere da una forza così incompetente e immatura come i 5 stelle, allora non è il candidato giusto per la città"

"La formalizzazione dell'accordo fra Movimento 5 Stelle e sindaco uscente non dovrebbe essere una buona notizia né per noi antagonisti, che vediamo diminuire i “nemici a sinistra” presenti sulla scheda elettorale di cinque anni fa, né per gli stessi elettori di De Pascale, perché viene certificato che egli abbia terribilmente bisogno dell'apporto grillino". Lo dichiara Alberto Ancarani, candidato sindaco di Forza Italia alle amministrative del 3-4 ottobre alla luce del sostegno assicurato da Giuseppe Conte, leader dei 5 Stelle, al sindaco uscente De Pascale.

"La formazione gialla - prosegue Ancarani - è infatti un'entità politica favorevole alla cosiddetta 'decrescita felice', fautrice del principio che elargisce soldi ai fannulloni attraverso redditi di cittadinanza, ed altre prebende, a scapito di chi paga le tasse e lavora onestamente, contraria allo sviluppo del nostro territorio, giustizialista oltre ogni limite. Già questo sarebbe sufficiente a volerne rimanere alla larga, ma, evidentemente, il bisogno di voti supera non solo ogni razionalità, ma anche il senso del ridicolo".

"De Pascale, infatti, non era forse quello che organizzava manifestazioni nazionali per l’oil&gas in piazza del Popolo ai tempi del governo gialloverde, nei quali si stracciava le vesti in favore degli operatori del settore off shore contro la sospensione delle concessioni e la logica del Pitesai, mai partorito neppure ai tempi del governo giallorosso? - attacca il candidato sindaco azzurro - E con quale faccia ora accetta di essere in coalizione proprio con i più acerrimi nemici di quel settore produttivo così importante per il PIL della nostra città? La risposta è una sola e cioè che essa sia dettata solo dalla paura di perdere. Chi compete con lui dovrebbe dunque vedere il bicchiere mezzo pieno, ma non è così".

"Se vogliamo bene a questa città non possiamo che essere terrorizzati dall’immobilismo al quale verrebbe sottoposta dal continuo tira e molla su argomenti sensibili ogni volta che essi capitassero sul tavolo della giunta - prosegue Ancarani -. Inevitabilmente PRI e lista Italia Viva/Ravenna In Campo da un lato e M5S e Coraggiosa dall’altro renderebbero impossibile l'azione di governo. Ravenna finirebbe dunque schiava della scellerata scelta di De Pascale che, anziché governare con un progetto, intende solo sopravvivere mettendo insieme gli opposti pur di ottenere un voto in più".

Ancarani, dunque, avverte gli stessi elettori di sinistra a stare attenti e "comprendere che un candidato sindaco che, terrorizzato di perdere, è disposto a farsi sostenere da una forza così incompetente ed immatura non è il candidato giusto per la prossima consiliatura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni amministrative, Ancarani (FI) sull'alleanza Pd-5 stelle: "De Pascale è terrorizzato dall'idea di perdere"

RavennaToday è in caricamento