rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica

Elezioni, Ancisi: "Chi possiede un animale non sia penalizzato. Ingressi in negozi e strutture sanitarie"

Il candidato sindaco prevede di "Individuare un’area adeguata per realizzare un cimitero per gli animali in cui i resti o le ceneri possano trovare un’adeguata e dignitosa dimora"

La lista “Amici Animali”, che si presenta alle elezioni comunali in sostegno al candidato sindaco Alvaro Ancisi afferma che una città aperta e civile deve anche prendersi cura degli animali che vivono in simbiosi col suo territorio. "Secondo la legge quadro nazionale n. 281 del 1991, è il sindaco, infatti, l’autorità responsabile del rispetto di tutti gli animali presenti sul proprio territorio, essendo tenuto a controllare e a prevenire che siano maltrattati, ad arginare il fenomeno del randagismo tramite sterilizzazioni periodiche effettuate dal servizio veterinario dell’AUSL e ad assicurare agli animali un buono stato di salute tramite i servizi preposti - afferma il candidato Ancisi - Strumento importante da applicare è il regolamento comunale per la Tutela ed il Benessere degli animali, che Lista per Ravenna propose, richiese e volle con insistenza ed il consiglio comunale infine approvò nell’aprile 2016".

"Le linee guida da attuare - prosegue il candidato sindaco - discendono dai princìpi fondamentali della “Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Animale” applicabili alla realtà locale, per cui, in particolare: nessun animale deve essere sottoposto a maltrattamenti e ad atti crudeli; se appartiene ad una specie selvaggia ha il diritto di vivere nel suo ambiente naturale; se vive abitualmente nell’ambiente umano ha diritto di vivere e di crescere secondo il ritmo e nelle condizioni della sua specie; se scelto da uomini o donne come compagno ha diritto ad una durata della vita conforme alla sua naturale longevità; l’abbandono di un animale è un atto crudele e degradante; nessun animale deve essere usato in modi incompatibili con la sua dignità".

Ancisi propone quindi alcuni interventi educativi per il prossimo mandato elettorale: "le adozioni “responsabili” di animali da affezione, privilegiando le strutture comunali (canile e gattile); giornate/eventi in cui la cittadinanza possa entrare in contatto con gli ospiti delle strutture municipali; un piano di educazione civile ad un corretto rapporto con gli animali fin dalla tenera età, attraverso progetti didattici da introdurre nei nidi e nelle scuole per l’infanzia e dell’obbligo; progetti e corsi nelle scuole superiori, in collaborazione con gli istituti scolastici e le associazioni animalistiche, ove operatori zoo-antropologici possano compiere un percorso educativo con i giovani studenti".

"Chi possiede un animale non deve esserne penalizzato - precisa Ancisi - per quanto possibile, nel rispetto delle normative igieniche e di comportamento che è tenuto ad osservare, salvo subire le dovute sanzioni. Si propone al riguardo quanto segue: favorire, nei limiti di legge e di regolamento, l’ingresso degli animali domestici, sotto la responsabilità del conduttore e secondo i rispettivi codici di comportamento, all’interno dei negozi e negli esercizi pubblici che li accettano, così come nelle strutture sanitarie, case di riposo ed istituti penitenziari; garantire agli animali del gattile e del canile cure e ricoveri adeguati alle loro esigenze; individuare un’area adeguata per realizzare un cimitero per gli animali in cui i resti o le ceneri possano trovare un’adeguata e dignitosa dimora; introdurre, nel cimitero pubblico di Ravenna, il servizio di cremazione per gli animali di affezione; rafforzare e valorizzare i servizi in atto, come la guardia medica veterinaria, il centro recupero avifauna, il centro recupero animali feriti e incidentati; individuare un’area più adeguata affinché gli animali selvatici recuperati, feriti o malati, possano essere momentaneamente accolti fino ad essere reinseriti nel loro habitat naturale; sostenere ed accompagnare le associazioni di volontariato legate al mondo degli animali; prevedere forme di aiuto e supporto alle persone non abbienti per le cure dei loro animali domestici, anche tramite convenzioni con veterinari, se possibile del servizio pubblico o altrimenti privati, e perché abbiano una degna sepoltura o cremazione nel momento del distacco".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Ancisi: "Chi possiede un animale non sia penalizzato. Ingressi in negozi e strutture sanitarie"

RavennaToday è in caricamento