Elezioni, anche un pensionato senzatetto nella squadra de "La Pigna": "Casa agli italiani"

Grande curiosità per Arturo Giannini, 78enne pensionato senzatetto che da tre anni vive in una roulotte parcheggiata sotto al cavalcavia di via Faentina

“Battersi affinché Ravenna possa liberarsi da un sistema di potere incancrenito da ormai 42 anni”. E’ in questa frase di Maurizio Bucci, imprenditore e candidato sindaco, il collante che martedì sera ha tenuto uniti al ristorante Passatelli del Mariani Lifestyle i 32 candidati e i simpatizzanti della lista civica "La Pigna". E deve essere davvero un collante molto forte per fare sì che il progetto politico di Bucci venga sposato da liberi professionisti, studenti, dipendenti pubblici e non, pensionati, ex militari, una pilota d’aereo e perfino un senzatetto. 

Il gotha dei candidati, con in testa i capilista Giuseppe Roccafiorita (avvocato) e Veronica Verlicchi (consulente web), era seduto nella parte centrale della grande sala del ristorante Passatelli, con mise eleganti - tra le quali, tra tanto grigio, spiccava il fucsia di  Verlicchi – e informali. Gli altri più defilati, insieme a numerosi simpatizzanti, alcuni dei quali eccellenti. Tra questi Paolo Guerra, ex consigliere comunale, uscito in maniera burrascosa dalla Lega Nord qualche mese fa.

“Io sono sempre a favore delle liste civiche – ha dichiarato Guerra. E questa mi sembra una lista vera, nata da cittadini che vogliono impegnarsi e non dalla perdita di un simbolo”. Una stoccata alla lista civica Cambierà di Michela Guerra, nata in seguito al rifiuto, da parte dei vertici dei 5 Stelle, della sua candidatura. Con il risultato che il movimento non correrà alle Amministrative ravennati.

Grande curiosità per Arturo Giannini, 78enne pensionato senzatetto che da tre anni vive in una roulotte parcheggiata sotto al cavalcavia di via Faentina. Giannini, in passato, era comparso in diverse occasioni sulle cronache locali, soprattutto per le sue proteste estreme (si era anche arrampicato su un traliccio, ndr). Il punto centrale del suo impegno politico, se venisse eletto a Palazzo Merlato, sarebbe “la casa agli italiani”.

A Bucci, padrone di casa a tutti gli effetti, il compito di introdurre la serata illustrando le ragioni che hanno portato alla nascita de "La Pigna": “La città e il nostro territorio sono stati lasciati nel degrado. Ogni giorno sempre più ravennati perdono il lavoro e la povertà sta colpendo famiglie che prima pensavano di essere benestanti. Quello che ci rimane sono gli ultimi scandali giudiziari e centinaia di poltrone affidate ad amici ed ex compagni nelle società a partecipazione comunale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

20160503_203824-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico schianto all'incrocio: nell'impatto con un'auto muore sul colpo un centauro

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Acquista una scultura per pochi euro e scopre di aver trovato un tesoro

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna si smarca dall'obbligo della mascherina all'aperto

  • Il forte vento mette in ginocchio gli alberi, due auto travolte dai tronchi precipitati

  • Un quarto d'ora maledetto: motociclista rovina in terra, soccorso in gravi condizioni dall'elicottero del 118

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento