rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Politica

Elezioni, Di Maio (Arcigay): "L'accesso ai seggi non sia in base al criterio del genere"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

La Ravenna che immagino è una città inclusiva, accessibile e rispettosa di ogni persona. Questo è uno degli elementi cardine del mio impegno politico e per questo sono convinto che si debba fare tutto il possibile affinché anche il diritto di voto sia davvero accessibile, inclusivo e rispettoso. Vorrei quindi rilanciare una campagna che ho già firmato in passato, sia a livello personale che a nome di Arcigay Ravenna: la campagna iosonoiovoto e la sosterrò come candidato alle prossime elezioni amministrative per il Comune di Ravenna. Per rendere il diritto di voto effettivamente accessibile, inclusivo e sicuro per tutte le persone, chiedo che l'accesso ai seggi elettorali non sia organizzato in base al criterio del genere.

Recarsi ai seggi non può e non deve essere un'esperienza dolorosa o addirittura pericolosa per nessuna persona, né il diritto di voto deve essere compromesso da possibili fattori discriminatori. Per questo chiedo che si superi l'organizzazione delle file ai seggi in base al genere, che espone le persone trans al rischio di un outing pubblico e forzato, e che si opti per il criterio dell'ordine alfabetico. Se una persona non si sente a proprio agio in un momento fondante del processo democratico come quello del voto o decide di non recarsi ai seggi per evitare una situazione di malessere dovuta alla scarsa tutela della propria identità, ci perdiamo tuttə, come singoli e come collettività. Come riportano le associazioni che aderiscono alla campagna IoSonoIoVoto, "essendo espressamente richiesto di collocarsi in una fila o presso un registro a seconda del mero dato del sesso anagrafico indicato sul documento, si costringono di fatto le persone transgender a violare la propria privacy e ad esporsi in contesti non protetti, con l’evidente risultato di comprometterne la partecipazione democratica alla vita pubblica, ed esporle alla non remota possibilità di divenire bersaglio di discriminazioni". Chiedo a tuttə di firmare la petizione 'Io sono io voto'.

Ciro Di Maio, presidente Arcigay Ravenna, consigliere Arcigay Nazionale e candidato al consiglio comunale di Ravenna 2021

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Di Maio (Arcigay): "L'accesso ai seggi non sia in base al criterio del genere"

RavennaToday è in caricamento