Elezioni europee, Padovani (Lega): "L'embargo alla Russia è costato 2,4 miliardi all'Italia"

La denuncia arriva da Gabriele Padovani, candidato leghista al Parlamento europeo nella circoscrizione del Nord-Est

“Il provvedimento comunitario di embargo alla Russia, assunto in risposta alle misure restrittive conseguenti alla crisi Ucraina, doveva inizialmente durare un anno ma è stato prorogato ed è tuttora vigente. Le conseguenze economiche per l’Italia sono state devastanti: il divieto di commerciare con le aziende di Putin è già costato all'Italia più di 2,4 miliardi di euro, e tale cifra (fornita dal Centro studi di Confagricoltura) supererà i 3 miliardi nel 2020. E' evidente che una situazione del genere non è più tollerabile dalle nostre aziende che – guarda caso – sono le maggiori esportatrici in Russia”.

La denuncia arriva da Gabriele Padovani, candidato leghista al Parlamento europeo nella circoscrizione del Nord-Est, che spiega: “Nel periodo 2009- 2013, il valore delle esportazioni di prodotti agricoli e alimentari verso la Russia era in rapida ascesa (+111%), passando dai 333 milioni di euro del 2009 a 705 milioni di euro del 2013. Nel periodo successivo, vigente l’embargo, il valore delle esportazioni di prodotti agricoli e alimentari verso la Russia si è ridotto fino a 381 milioni di euro (2015) per poi tornare a crescere fino a 552 milioni di euro (2018). Dall’entrata in vigore del divieto di importazione di molti prodotti agricoli e dell’industria alimentare dai Paesi dell’Unione Europea e ipotizzando che, in assenza dell’embargo nel periodo 2014-2018 fosse stato confermato l’andamento di crescita registrato nel periodo 2009-2013 (+22% annuo circa), le conseguenze dell’embargo per l'Italia possono, al 2018, essere stimate in 2.431 milioni di euro e in 3.706 milioni di euro, al 2020”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Così com'è, questa Europa è un fallimento, è un' Europa delle regole e dei burocrati. Eurolandia deve recuperare il rapporto con la Russia per tornare ad essere il centro dell'Occidente senza correre il rischio di essere fagocitata da Usa o Cina. Anzi, un'Europa forte, coesa, che fa veramente gli interessi di tutti i 28 Stati aderenti sarà anche funzionale alla mediazione e al riavvicinamento fra Stati Uniti e Cina. Pertanto sarà bene che attraverso il voto del 26 maggio prossimo – conclude Padovani - i cittadini siano consapevoli che possono (e devono) cambiare questa Europa, oggi a trazione franco-tedesca, per consentire all'Italia di rialzare la testa nel panorama internazionale e battere i pugni sui banchi di Bruxelles e Strasburgo, affinché anche le politiche comunitarie comincino a valorizzare quel brand straordinario che è il Made in Italy”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tuffa dagli scogli e batte la testa sul fondo: giovane grave in ospedale

  • Imbocca la Classicana contromano: schianto tra due auto e un camion

  • Si tuffa nella piscina dell'hotel, poco dopo lo ritrovano morto in acqua

  • Colpita dal muletto in retromarcia: infortunio mortale in azienda

  • Il suo corpo galleggiava in acqua: perde la vita in mare

  • Raffiche di vento fortissime in spiaggia: si rovesciano alcune barche in mare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento