Politica

Elezioni, Flamigni ('Russi libera e sicura') parla di agricoltura fra tradizione e innovazione

Andrea Flamigni invita la cittadinanza a un'ultima serata di approfondimento su alcuni temi trattati nel programma elettorale: l’agricoltura, l’ambiente ed il territorio

Giovedì 23 maggio, alle 20:30 a Russi alla Sala Polivalente, Andrea Flamigni, candidato sindaco della lista civica 'Russi Libera e Sicura', invita la cittadinanza a un'ultima serata di approfondimento su alcuni temi trattati nel programma elettorale: l’agricoltura, l’ambiente ed il territorio.

“Le mie origini – esordisce Flamigni – sono legate al mondo contadino, i miei nonni, mio padre erano braccianti e piccoli contadini. Russi è al centro della pianura Romagnola dispone di terre fertili e produzioni di pregio, ortofrutticole, seminativi oltre all’allevamento del suino. Vi sono anche diverse imprese locali che producono strumenti e macchine per l’agricoltura. Le principali produzioni riguardano: pesche e nettarine IGP di Romagna, susine, albicocche, pere, ciliegie, kiwi, mele e uva da vino; in particolare la varietà più diffusa è il Trebbiano, vitigno che si presta per la produzione di un ottimo vino bianco Doc e IGT, componente fondamentale dello spumante di Romagna, in uvaggio con “Famoso”, un vitigno riscoperto per le sue qualità aromatiche. Questo ha incentivato le “cantine Intesa” a potenziare e ammodernare la cantina sociale di Russi con un investimento di dodici milioni di euro, per potere gestire e produrre la base per vini e spumanti di qualità. Con questa premessa, considerata la forte vocazione agricola del nostro territorio, intendiamo promuovere il consumo dei prodotti a km zero per diminuire i consumi energetici e l’inquinamento, a partire dalle mense delle scuole e degli asili; la funzione di custode dell’ambiente svolta dall’imprenditore agricolo e lo sviluppo delle produzioni che hanno come obiettivo l’alimentazione umana di qualità e un freno alle produzioni agricole al solo scopo di alimentare centrali a biomasse".

"È per noi indispensabile valorizzare questo settore ponendo attenzione ad una cultura del lavoro agricolo, favorendo i giovani che frequentano scuole agrarie e promuovendo con ogni mezzo possibile l’aggregazione e la collaborazione fra le aziende - prosegue il candidato - È nostra intenzione inoltre ospitare convegni e momenti di formazione e di acquisizione di esperienze, a livello locale e nazionale, per incrementare conoscenza e professionalità degli agricoltori, in vista del passaggio ad un’agricoltura smart propria di un modello agricolo avanzato perseguito dall’Unione Europea, ad esempio anche valorizzando gli studi di Vincenzo Patuelli, storico agronomo del nostro territorio. Fondamentale studiare e progettare con i comuni limitrofi percorsi turistici ed eno-gastronomici che attraversino il nostro territorio e favoriscano i punti vendita di prodotti locali a km zero. Il nostro obiettivo è quello di puntare ad un'agricoltura di eccellenza, capace di produrre prodotti di qualità che i turisti stranieri ci invidiano, ed invertire la tendenza dall’attuale circolo vizioso di stagnazione per far si che il settore primario diventi il volano di un circolo virtuoso a cui agganciare le nostre eccellenze paesaggistiche, storiche e archeologiche. Abbiamo sul nostro territorio – conclude Flamigni – pievi romaniche, dimore storiche di varie epoche, oasi naturalistiche strappate ai volontari del WWF, di cui ci siamo già occupati qualche giorno fa. Una vera miniera d’oro che per scarsa lungimiranza e carenti skills imprenditoriali delle amministrazioni locali non è mai stata valorizzata come si deve".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Flamigni ('Russi libera e sicura') parla di agricoltura fra tradizione e innovazione

RavennaToday è in caricamento