Politica

Elezioni, Francesconi (Pri): "Necessario istituire la Consulta delle Valli e delle Pinete"

"È necessario promuovere un confronto costruttivo fra i portatori di interesse degli ambienti vallivi e pinetali costieri"

Un dibattito pubblico al quale hanno preso parte Matteo Plazzi, Direttore Tecnico della Prada Cup e vice presidente CVR Circolo Velico Ravennate, e Paolo Forastieri, Presidente Comunale associazione Libera Caccia, quello di sabato mattina tenuto a San Marco organizzato da Chiara Francesconi, candidata alle prossime amministrative del Comune di Ravenna per il Partito repubblicano italiano in programma il 3 e 4 ottobre 2021. L’incontro dal titolo “Ambienti unici a Ravenna: dalle pinete, alle zone umide, al mare”, promosso in collaborazione con il comitato ATC di Ravenna, ha permesso di affrontare diverse tematiche, dall’ambiente al forese, con la presenza anche di Paolo Guerra, candidato indipendente e presidente di Assoraro, Associazione di Idee per Ravenna e la Romagna.

“Nei miei 5 anni di consiliatura – ha sottolineato Francesconi, attuale capogruppo del Pri in consiglio comunale – ho cercato di ribadire, anche grazie all’allora segretario Stefano Ravaglia, la vocazione politico ambientale del nostro partito al servizio di tutti, sia naturalisti che cacciatori, pescatori ricreativi, appassionati del mare, delle pinete, delle valli uniche del nostro territorio. È necessario promuovere un confronto costruttivo fra i portatori di interesse degli ambienti vallivi e pinetali costieri, per pensare all’istituzione della Consulta delle Valli e delle Pinete secondo nuove prospettive e che lavori sull’avvallo degli interventi proposti in programma per la zona Piomboni e Baiona. Ritengo fondamentale anche l’incremento dell’offerta turistica, promuovendo la convivialità nei bilancioni di pesca ricreativa, l’attività di pesca amatoriale ed agonistica, il turismo equestre, l’attività venatoria, il birdwatching, il trekking, le bici, le canoe. Per il futuro sviluppo del turismo è necessaria però anche una seria riflessione sulla Darsena, attualmente coinvolta in un importante processo di riqualificazione".

E proprio parlando della Darsena di Città è intervenuto portando un saluto anche Matteo Plazzi: “Siamo in una zona vocata agli sport legati al mare, con una grande tradizione velica. Siamo una città di mare - ha detto ancora Plazzi - e con un forte legame con l’ambiente, per questo auspicherei una maggiore coordinazione tra le realtà coinvolte, dall’Autorità Portuale alla Capitaneria di Porto, passando per l’Amministrazione pubblica ed anche le istituzioni scolastiche”.

“La nostra cultura – ha spiegato invece Forastieri, presidente dell’associazione Libera Caccia – passa anche dalla tradizione venatoria. La storia ci dice che se ora abbiamo Valle della Canna e Punta Alberete lo dobbiamo ai cacciatori che hanno fatto sì che non divenissero terreno di bonifica. Sostengo l’idea della Consulta e spero che l’amministrazione faccia un passo avanti nei confronti delle pinete, ormai abbandonate da 35 anni. Ormai quelle di San Vitale e Classe non sono pinete, ma boschi. Il concetto di biodiversità non esclude manutenzione e pulizia”.

In chiusura l’intervento di Paolo Guerra: “Continuo ad auspicare che chi amministra la cosa pubblica debba avere competenza in quello che tratta o sappia ascoltare e confrontarsi con chi vive quella realtà, anche i volontari. Il settore ambientale necessita di attenzione e la proposta dell’istituzione della Consulta delle Valli e delle Pinete, un’idea partorita dopo anni di incontri all’interno di Assoraro poi condivisa con Chiara, va in questa direzione. È però fondamentale che questo organismo non rallenti i processi decisionali, ma li acceleri, pertanto qualsiasi documento che esce dalla Consulta dovrà essere obbligatoriamente discusso in una Giunta comunale per arrivare ad una delibera evitando di ridurre questo nuovo organismo ad un ennesimo tavolo inconcludente”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Francesconi (Pri): "Necessario istituire la Consulta delle Valli e delle Pinete"

RavennaToday è in caricamento