menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni, il Pd: "Uniti per aiutare lo sviluppo della Bassa Romagna"

Il Coordinamento del Partito Democratico della Bassa Romagna vuole "condividere un orientamento comune sui temi fondamentali attorno ai quali costruire la proposta politica dei candidati sindaci"

"Correre insieme, uniti e coesi per aiutare lo sviluppo del territorio e attrarre nuove idee e competenze dal mondo politico e della società civile che ci sta attorno". Il Coordinamento del Partito Democratico della Bassa Romagna vuole "condividere un orientamento comune sui temi fondamentali attorno ai quali costruire la proposta politica dei candidati sindaci della Bassa Romagna".

"Questo percorso - spiegano i dem - è stato condiviso con tutte le direzioni dei circoli del territorio in un'ottica di comune impegno per il bene e lo sviluppo delle nostre terre. Il punto di partenza dal quale si è partiti è il Patto per lo sviluppo economico e sociale della Bassa Romagna che ha delineato strategie e obiettivi comuni attraverso un percorso di condivisione con tutti i portatori di interesse: organizzazioni economiche, rappresentanze sindacali, ordini e collegi professionali, mondo della scuola. Quello che vogliamo dare ai nostri cittadini è la sicurezza: non la “sicurezza” utilizzata come slogan per agitare la paura delle persone, ma un progetto ad ampio spettro che vuole garantire a tutti, a partire dalle fasce più deboli, la sicurezza di vivere in un territorio che garantisca qualità della vita, serenità, benessere economico e tenuta sociale".

"L'Unione dei Comuni deve rimanere infatti la base del nostro impegno - viene evidenziato -. Bisogna migliorare la governance rendendola maggiormente rappresentativa di tutte le realtà politiche presenti nei territori, migliorare l'organizzazione e la capacità dell'Unione di incidere sulle tematiche strategiche per lo sviluppo della Bassa Romagna; essere uniti significa aumentare il nostro peso politico nei tavoli di confronto con i livelli istituzionali superiori. Ma soprattutto bisogna rendere l'Unione sempre più vicina a ogni cittadino migliorando la prossimità delle risposte, garantendo un presidio territoriale costante e qualificato".

Proseguono dal Coordinamento: "Abbiamo lavorato su un documento, disponibile per chiunque vorrà e già parte integrante dei programmi dei singoli candidati sindaci della Bassa Romagna sostenuti dal Pd in cui abbiamo tracciato un insieme di tematiche prioritarie per la nostra proposta di governo territoriale: dobbiamo creare un territorio capace di essere sempre più attrattivo per le imprese, questo significa completare le infrastrutture e in particolare le strade su cui da tempo insistiamo e a cui si unisca anche un adeguamento della rete ferroviaria e della sua fruizione. Prioritaria sarà l'estensione della banda larga e una precisa politica sull'agroalimentare: La politica vincente deve essere quella di collegare meglio le aziende del nostro territorio a quelle dell’intero territorio romagnolo, creando una rete ben connessa sull’agroalimentare in modo tale da azzerare la competizione interna e creando una filiera compatta e forte che affronti il mercato internazionale".

"Per quanto riguarda la salute dobbiamo essere in grado di sostenere un cantiere per il nuovo Welfare con una costante discussione con la Regione e l'Ausl. Maggiori risorse economiche per mantenere gli elevati livelli di assistenza alle persone in difficoltà, dagli anziani ai disabili, maggiori investimenti sull'Ospedale di Lugo che non può e non deve perdere le proprie caratteristiche e deve anche per questo rimanere attrattivo per i professionisti che negli anni hanno condotto i reparti senza dimenticare il percorso iniziato con forza sulle Case della Salute - concludono -. Molte sono le tematiche su cui in questi mesi come partito ci siamo soffermati, dall'assetto idrogeologico alla raccolta dei rifiuti, dalle politiche culturali alle politiche sportive fino al patto per la sicurezza: quello che vuole emergere è la volontà del Coordinamento del Partito Democratico della Bassa Romagna di correre insieme, uniti e coesi per aiutare lo sviluppo del territorio e attrarre nuove idee e competenze dal mondo politico e della società civile che ci sta attorno. Un programma condiviso ed inclusivo in grado di tradurre la pluralità che i candidati sindaci che sosteniamo sono in grado di rappresentare in un contesto di vera Unione che deve migliorare la vita quotidiana di ognuno di noi qui in Bassa Romagna".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento