rotate-mobile
Politica Lugo

Elezioni in Bassa Romagna, la Cia incontra i candidati sindaco del centrodestra

A tutti i candidati, Cia Romagna ha chiesto di "impegnarsi a sostenere la piena dignità dell’agricoltura e del mondo rurale nell’agenda politica delle istituzioni di competenza"

Si è svolto nei giorni scorsi, nella sede della Cia di Lugo in via Quarantola, l’incontro fra i candidati sindaco delle liste civiche sostenute dal centro destra e i rappresentanti della Confederazione Italiana Agricoltori. Erano presenti il candidato sindaco di Lugo Francesco Barone (lista civica “CambiAMO Lugo”), di Bagnacavallo Diletta Principale (lista civica “Principale sindaco”), di Fusignano Claudio Baldini (lista civica Prima Fusignano), di Sant’Agata sul Santerno Matteo Parrucci (lista La Torre Civica), di Massa Lombarda Giovanni Tozzola (lista civica La Piazza) e di Conselice Gianfranco Fabbri (lista civica Con Voi – Per ripartire) oltre ai rappresentanti dell’associazione di categoria, il presidente territoriale Stefano Folli e il rappresentante territoriale Gian Marco Spada.

“A tutti i candidati, Cia Romagna chiede di impegnarsi a sostenere la piena dignità dell’agricoltura e del mondo rurale nell’agenda politica delle istituzioni di competenza - hanno precisato in apertura i responsabili dell’Associazione - Questa piena dignità comporta, innanzitutto, il riconoscimento dei primari valori culturali e civili che ne derivano e del ruolo economico e produttivo del settore primario. Le emergenze sanitarie, ambientali e climatiche vissute nel recente passato impongono un nuovo modello di società, dove il dialogo e la collaborazione tra le istituzioni e le parti sociali sia più efficace e proficuo per il bene dei cittadini e delle imprese presenti sul territorio”. Fra le criticità identificate dalla Cia come impellenti da affrontare per le pubbliche amministrazioni, emergono “la frammentazione della società civile, l’invecchiamento della popolazione, le nuove e diffuse povertà, i problemi della sicurezza collettiva e personale, l’esigenza di qualità nella gestione del territorio, il governo delle emergenze ambientali”.

Nello specifico, le richieste formulate ai candidati sindaco vanno nella direzione del sostegno alle imprese agricole attraverso il potenziamento degli strumenti di garanzia per il credito, della semplificazione della burocrazia attraverso l’applicazione di procedure più snelle e certe per ottenere concessioni o permessi per costruire rimesse, capannoni, case coloniche e altro, per gli interventi a tutela delle produzioni agricole come i sistemi antibrina e la realizzazione di piccoli invasi per garantire l’approvvigionamento idrico anche in caso di siccità. Altre necessità evidenziate riguardano la rielaborazione dei regolamenti (per esempio PUG, RUE etc) sempre nella direzione di una maggiore semplificazione delle attività aziendali, la richiesta di una maggiore sicurezza dei cittadini e del territorio “anche attraverso una puntuale manutenzione e sfalcio della rete scolante ed il risezionamento dei fossi comunali, con l’eventuale coinvolgimento delle imprese agricole” e di una adeguata manutenzione viaria nelle aree rurali e nelle aree cittadine.

Fondamentale è la gestione dei rifiuti, tema verso il quale la Cia chiede “un maggior controllo da parte degli enti preposti e una maggior sensibilizzazione dei cittadini” oltre ad un intervento della pubblica amministrazione per gestire quelli derivati dagli eventi calamitosi recenti, nella fattispecie, il fango generato dall’alluvione del maggio 2023 e dal fortunale del luglio dello stesso anno”. Una attenzione particolare è richiesta al sostegno dei mercati agricoli locali per la vendita delle derrate alimentari dal produttore al consumatore per promuovere le forme integrative di redditività delle imprese.

“Per questi mercati – sottolinea la Cia - si chiede che la municipalità si adoperi affinché vengano svolti nel rispetto della legge e dei regolamenti di riferimento”. Educazione alimentare anche nelle scuole, sviluppo del turismo rurale e poi potenziamento dei servizi per le famiglie e le fasce deboli compreso il settore della sanità chiudono il lungo elenco delle attenzioni richieste alle quali i candidati sindaco delle liste civiche che gravitano nell’area di centro destra hanno risposto offrendo la loro piena collaborazione. “Tutti noi – ha sottolineato il candidato sindaco per Lugo Francesco Barone – abbiamo espresso la volontà di voler aprire un confronto permanente con le associazioni di categoria per mettere le prossime amministrazioni a disposizione delle categorie al fine di migliorare i rapporti ed i servizi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni in Bassa Romagna, la Cia incontra i candidati sindaco del centrodestra

RavennaToday è in caricamento