rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Politica

Elezioni politiche, Salimbeni (+Europa): "La destra governerà, noi faremo un’opposizione forte"

Il candidato di +Europa: "Sfiorato il quorum del 3% a livello nazionale, ma raggiunto il miglior risultato di sempre in provincia di Ravenna"

"Poco da aggiungere sui temi nazionali: ha vinto la destra di Giorgia Meloni ed è giusto che governi; noi faremo un’opposizione forte e nel merito sulla collocazione dell’Italia in Europa, sui diritti civili e sociali, su concorrenza e libertà economica, sull’equità generazionale e sul clima. Il centro sinistra ha avuto un risultato nazionale e locale negativo. Reso più grave dal fatto che il centro destra vince con circa il 44% dei voti ma grazie ad una legge elettorale assurda e ai voti persi all’uninominale avrà tra il 55% e il 60% dei parlamentari". Questo il commento di Nevio Salimbeni, capolista di +Europa nel listino proporzionale della Camera in Romagna.

"Non possiamo nascondere anche il risultato nazionale negativo di +Europa (2,94% al Senato) - prosegue Salimbeni -che pur crescendo molto rispetto ai numeri iniziali e ripartendo da zero, dopo l’abbandono di Calenda, ha solo sfiorato il quorum; i voti sono stati più di quelli che aspettavamo ma meno di quelli che sarebbero serviti per eleggere una pattuglia di europeisti libertari e concreti in Parlamento. E fa molta rabbia la sconfitta di Emma Bonino all’uninominale a Roma dove la candidata di Fratelli d’Italia antiabortista ha vinto anche a causa del fuoco “amico” calendiano".

C'è però da sottolineare un dato positivo, sottolinea Salimbeni: "Il risultato storico di +Europa, per la prima volta da sola nelle urne, nella provincia di Ravenna: 6.700 voti e il 3,3% con punte del 4 a Faenza, del 3,8 a Bagnacavallo, del 3,5 a Castelbolognese, del 3,4 a Cervia e Ravenna. E’ evidente come in questa provincia abbia preso quota finalmente una nuova opportunità politica". 

"Dovrà essere chiaro a tutti che, d’ora in poi, questo pezzo di rappresentanza locale sarà direttamente promotore di cambiamento e non una semplice aggiunta a progettualità del passato. Non sceglieremo nuovi progetti politici o elettorali aprioristicamente ma animeremo solo quelli che promuoveranno cambiamento, allargamento e rinnovamento della classe dirigente locale, vicinanza all’idea di una società aperta e regolata da libertà di scelta e responsabilità. Con la radicalità gentile che ci hanno chiesto gli elettori in questi 30 giorni di campagna elettorale. Infine - conclude l'esponente di +Europa - voglio personalmente ringraziare i militanti, gli amici, gli elettori che questa volta ci hanno dato fiducia ed hanno costruito le basi del lavoro futuro in questo territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni politiche, Salimbeni (+Europa): "La destra governerà, noi faremo un’opposizione forte"

RavennaToday è in caricamento