Venerdì, 24 Settembre 2021
Politica

Elezioni, Ravenna in Comune chiarisce: "Non confluiamo in alcuna altra lista"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

Ravenna in Comune non confluisce in alcuna altra lista. Alcune dichiarazioni che si possono leggere in queste ore potrebbero lasciare intendere diversamente ma ciò non corrisponde al vero. Le nostre elettrici e i nostri elettori nel 2016 ci hanno votato per rappresentarli in un progetto amministrativo ambientalista, egualitario e solidale. È un progetto del tutto alternativo a quello egoistico, escludente e liberista portato avanti con coerenza dal PD prima e dopo il 2016. Lo stesso progetto che il PD incarna alle prossime elezioni. Nessun passo indietro né ripensamento ha avuto il PD. Ma neanche noi. Chi ci ha dato fiducia ha avuto una rappresentanza coerente in Consiglio Comunale durante gli ultimi cinque anni. La stessa opposizione continuerà per tutto il tempo in cui vi permarremo. Né in tutto né in parte Ravenna in Comune è confluita né intende confluire in altre liste. Nessuno, giustamente, scrisse che RiC era in parte confluita nella coalizione che sosteneva de Pascale, quando il Partito Socialista decise di unirvisi nel marzo 2018. Eppure il PSI aveva precedentemente sostenuto Ravenna in Comune. Altrettanto scorretto sarebbe ora scrivere di confluenza nella coalizione a guida PD di parte di Ravenna in Comune. È vero invece che Sinistra Italiana ha scelto di confluire in altra lista pur avendo prima sostenuto un progetto alternativo. Il nostro progetto. Non possiamo consentire questa erronea percezione per rispetto di chi ci sostiene e ci ha votato per la nostra alternatività rispetto a de Pascale. Ma anche per rispetto di chi intendesse votare altro alle prossime elezioni. Specie se questo altro va nell’opposta direzione del sostegno a de Pascale. Ravenna in Comune è un progetto di cittadine e cittadini che, nel 2016, è stato sostenuto dai partiti di sinistra che scelsero di non presentarsi autonomamente alle elezioni. Se i partiti affronteranno diversamente il voto del 3 e 4 ottobre prossimo non cambia la natura del nostro progetto. Che va oltre il prossimo appuntamento elettorale. È comprensibile che le diversità delle alleanze nazionali, oggi rispetto a cinque anni fa, possano riverberarsi su quelle locali. Tuttavia il nostro progetto riguarda Ravenna e non intende subire condizionamenti di tale natura. Per evitare fraintendimenti, dunque, lo ribadiamo ancora una volta. Una volta per tutte: Ravenna in Comune non partecipa né parteciperà ad alleanze con il PD.

Ravenna in Comune

Abbiamo letto che tra i candidati della lista di Ravenna Coraggiosa sono presenti alcuni ex aderenti alla piattaforma Ravenna in Comune. Fino a qui nulla di particolare, ognuno fa le scelte politiche che ritiene più opportune. Ritengono che l'alleanza con De Pascale sia strategica, anche stravolgendo ciò che RiC è stata in questi anni e per cui è nata: l’alternativita' al PD. I consiglieri di RiC, Raffaella Sutter e Massimo Manzoli (a cui va sempre il nostro ringraziamento per il prezioso lavoro svolto), che si sono alternati in Consiglio, hanno coerentemente seguito il programma con cui la lista si presentò cinque anni fa.  Noi come Potere al Popolo abbiamo sperato fino all'ultimo momento che si potesse riproporre quell'esperienza alternativa, ma ciò non è stato possibile. Con rammarico, e solo a quel punto, abbiamo deciso di presentare direttamente la nostra proposta, nella certezza della nostra coerenza con il programma e nei rapporti con De Pascale e il PD. Leggendo che una parte di RiC è confluita in Ravenna Coraggiosa non possiamo che esprimere il nostro disaccordo: chi va in appoggio al PD lo fa a titolo personale, non in nome di RiC. Giù le mani da Ravenna in Comune. 

Gianfranco Santini, candidato sindaco per Potere al Popolo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Ravenna in Comune chiarisce: "Non confluiamo in alcuna altra lista"

RavennaToday è in caricamento