menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni regionali, Mazzoni (FI): "Blocco della circolazione? Poche luci e molte ombre"

Secondo la candidata alle elezioni regionali "si tratta di misure estemporanee con effetto tampone così blando se non è accompagnato da piani mirati"

Come ogni anno, sono state attuate le misure per la qualità dell’aria e le relative limitazioni alla circolazione, ulteriormente accentuate negli ultimi periodi. "Stiamo parlando di una serie di provvedimenti ritenuti pressoché inutili, come ha affermato la stessa Anci, l’assise dei sindaci italiani, perché le polveri sottili si spostano velocemente e il rischio, appunto, resta quello di non cambiare la situazione - commenta la candidata di Forza Italia alle elezioni regionali Daniela Mazzoni - Ma anche perché si tratta di misure estemporanee con effetto tampone così blando se non è accompagnato da piani mirati. Non mancano certamente gli effetti sociali provocati da questi provvedimenti. Molti disagi soprattutto per le persone anziane, ma più in generale per i cittadini che non hanno alternative all’uso dell’auto propria o che non hanno disponibilità economiche per la sostituzione del veicolo in uso con modelli di auto più recenti. Si continua ad intervenire sulla limitazione del traffico e nulla si fa rispetto alle emissioni delle abitazioni e delle industrie e ai relativi controlli quasi inesistenti. Inoltre perché questi blocchi della circolazione abbiano un qualche significato occorrerebbero interventi strutturali per migliorare e rendere più appetibile il trasporto pubblico attraverso un ventaglio di servizi efficienti, come la frequenza e velocizzazione delle corse, il miglioramento del comfort complessivo e del trasporto di pacchi ed effetti personali ingombranti, con una serie di collegamenti e punti di scambio meglio congegnati rispetto al sistema attuale. Andrebbero sperimentate anche forme di gratuità per determinate fasce di orario per facilitare l’accesso al centro storico".

"Oltretutto tali blocchi della circolazione recano forti contraccolpi anche all’economica cittadina e in modo particolare al settore commerciale, già peraltro gravato da una serie di problematiche di vario genere - continua Mazzoni - Questo provvedimento, inoltre, si ripercuote anche sulle auto dei turisti con inevitabili conseguenze per l’economia turistica. E’ assolutamente fondamentale, dunque, agire su varie cause a cominciare dalla citata mobilità specie per quanto attiene il trasporto pubblico, ma in questa direzione negli ultimi vent’anni non si sono registrate particolari iniziative o interventi degni di nota. In altre parole, il trasporto pubblico mostra la sua inadeguatezza, non è competitivo e neppure attrattivo e dimostra nel concreto di non riuscire a sottrarre alla mobilità privata quote sempre maggiori di utenza. A questo si aggiunge, poi, che la Regione Emila Romagna è diventata d’improvviso “verde ed ecologista” con la candidatura Bonaccini, mentre negli ultimi cinque anni gli interventi in favore “dell’elettrico” e dell’ecosostenibilità sono stati davvero blandi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento