Pd, si riunisce la direzione per discutere il post elezioni

Il Partito Democratico di Ravenna ha riunito lunedì sera la propria direzione provinciale per esaminare e discutere la situazione politica post elezioni

Il Partito Democratico di Ravenna ha riunito lunedì sera la propria direzione provinciale per esaminare e discutere la situazione politica post elezioni. Ne sono scaturiti due documenti, il primo approvato all’unanimità, che condivide il piano del segretario nazionale Pierluigi Bersani; il secondo approvato con quattro astensioni, sul partito a livello locale e sul prossimo congresso.

"Siamo soddisfatti di come si è articolata la discussione nell’assemblea e dell’esito unitario che ne è scaturito - sottolineano i neo parlamentari Stefano Collina, Josefa Idem e Alberto Pagani -. L’approvazione di due documenti, importanti, che indicano gli impegni delle prossime settimane e danno per questo il ‘mandato’ alla segreteria provinciale e ai parlamentari eletti. Quindi prima di tutto completa condivisione degli otto punti di Pierluigi Bersani e il rifiuto dell’ipotesi di un governo con il Pdl.”

“È anche estremamente importante anche l’altro passaggio politico, con il quale si impegna la segreteria provinciale a ridiscutere, quando ci saranno le condizioni per farlo, i tempi e il percorso che dovrà portare ai congressi per l’avvicendamento dei segretari - aggiungono Collina, Idem e Pagani -. Siamo per il rinnovamento e, in questo contesto,  la dialettica è quindi fondamentale; in un quadro di unità e coesione del partito e del suo gruppo dirigente”.

“In questo momento, ancora più che prima del voto, abbiamo tutti la consapevolezza che gli obiettivi sono comuni e riguardano il cambiamento del Paese e il buon governo delle nostre città - proseguono gli esponenti democratici -. Proprio questa comune consapevolezza ci deve fare impostare il necessario lavoro di apertura del partito senza strappi. La discussione avvenuta nella direzione provinciale rappresenta quindi il migliore punto di partenza che significa porre in questa fase le nostre energie in un confronto franco e costruttivo all’interno al Partito”.

"Siamo soddisfatti della direzione di lunedì e dal dibattito che ne è scaturito. Al di là delle differenti opinioni espresse abbiamo apprezzato l'attenzione dimostrata alle nostre idee, sia da Alberto Pagani e dalla dirigenza provinciale, che dalla guida del PD della Bassa Romagna - il Comitato Adesso! Per Matteo Renzi - Bassa Romagna -. Come è noto i componenti del Comitato sono scarsamente rappresentati all'interno degli organi direttivi del partito perchè la grande maggioranza dei suoi componenti sono semplici iscritti al PD oppure persone un tempo lontane dalla politica che si sono recentemente avvicinate all'impegno politico perchè interessate a contribuire allo sviluppo del proprio territorio e del Paese. L'invito ricevuto a parlare alla direzione per presentare le nostre proposte ha colmato una lontananza che consideravamo inutile e dannosa".

"Da tempo cercavamo un maggiore rapporto con la dirigenza del Pd poiché pensiamo che le istanze della società civile da noi raccolte debbano essere comprese e considerate da chi si ricandiderà a guidare i comuni del nostro territorio - continuano dal Comitato -. E' per questo che abbiamo deciso di fondare una nuova associazione, Carpe Diem, Idee in rete per la Bassa Romagna, composta dai membri del nostro comitato, ma anche da chi  non si era interessato alla bella esperienza delle primarie nazionali. La nenonata associazione è aperta a tutti quelli che, aderenti al Pd o meno, sono pronti a dare il proprio contributo per rendere più vivibili e ben amministrare i nostri territori".

"Le elezioni amministrative per i comuni della Bassa Romagna si stanno avvicinando e abbiamo bisogno del contributo di tutti perchè il centro sinistra vinca le elezioni. Noi ci saremo, con le nostre idee in prima persona, per portare la società civile al governo dei nostri comuni assieme al Pd. Un decisivo cambio di passo è necessario per evitare una sconfitta, soprattutto alla luce del disastroso risultato nazionale - continuano dal Comitato -. Apprezziamo anche il contributo responsabile dato dai neo parlamentari Stefano Collina, Josefa Idem e Alberto Pagani alla discussione e l'impegno preso per assicurare stabilità all'Italia in un momento così difficile di incertezza politica. Chiaramente molte divergenze su cosa intendiamo fare per i nostri comuni e sulle idee che abbiamo per portare sviluppo nelle nostre città rimangono, come è ovvio in democrazia, ma la strada giusta da seguire è quella intrapresa ieri in direzione. Una strada fatta di confronto franco, ma di rispetto reciproco".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico tamponamento mortale, il disperato volo dell'elicottero non riesce a salvargli la vita

  • Una giovane stilista romagnola conquista il principe Carlo con i suoi abiti

  • Il Coronavirus strappa alla vita un 50enne: 130 nuovi casi nel ravennate

  • Critiche sui social all'attrice lughese scelta da Gucci

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Ci mette 'Anema e core' e apre una pizzeria napoletana: "E' la mia passione da sempre"

Torna su
RavennaToday è in caricamento