Degrado in Piazza Kennedy, Minichini (LpRa): "Escremento grande e puzzolente"

"Non c'è che dire, qualcuno ha pensato bene di iniziare ad arredare piazza Kennedy, con arte figurativa che non può sfuggire all'olfatto"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

"Non c'è che dire, qualcuno ha pensato bene di iniziare ad arredare piazza Kennedy, con arte figurativa che non può sfuggire all'olfatto. Sotto il Palazzo del Mutilato, a terra sotto il cartello di cantiere, un escremento fresco concima un'aiuola di erba spontanea che si è già candidata a far parte della nuova piazza. E' enorme e puzza maledettamente, di dimensioni esorbitanti, almeno un gran San Bernardo o un uomo di corporatura notevole. Ha un perfetto disegno a spirale, come fosse uscita di getto. Che sia un nuovo tipo di arte, enorme cacca figurativa, simbolica e odorosa, a getto di spirale, di mastino napoletano, in mezzo ai turisti che fotografano estasiati, o esterefatti? Che figura di m…., parafrasando una frase sempre in voga di un noto giornalista televisivo. Questo la dice lunga sulla pulizia delle strade, va bene che ci sono lavori in corso, ma proprio perché sono ancora aperti gli scavi e quindi visibili e fotografabili dai turisti che necessiterebbe maggiore cura. Insomma, siamo in pieno centro e questo biglietto da visita non fa onore a Ravenna, o le cambiamo il nome? Di certo nessun addebito all'amministrazione, se non quello della cronica carenza di controlli sui servizi dati in gestione, poiché l'erba non cresce dalla notte al giorno, qualcos'altro sì".

 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento