menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Faenza, approvata la mozione per ridurre la Tari delle imprese colpite dal Covid

L'obiettivo è la riduzione della quota fissa dell'imposta per le attività che a causa delle misure emergenziali sono rimaste chiuse

Nella seduta di venerdì 26 febbraio il Consiglio Comunale di Faenza ha votato all’unanimità la mozione ‘Tari, attività commerciali’ per chiedere l’impegno da parte del sindaco e della giunta a farsi portavoce nei confronti di Hera e Atesir per azzerare o ridurre la quota della parte fissa di competenza dei titolari delle attività commerciali rimaste sospese in seguito alle misure del Governo per limitare la diffusione della pandemia da Covid.

La Tari, come noto, è una imposta che finanzia i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti e la sua riscossione è di competenza comunale. Ci sono state però attività che a causa delle misure emergenziali per limitare la diffusione della pandemia sono rimaste chiuse (totalmente o parzialmente) che hanno prodotto minori o addirittura alcun rifiuto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Occhi al cielo per ammirare la Superluna "rosa" di aprile

Cronaca

A Lido di Dante spuntano i nuovi "murales" dedicati al Sommo Poeta

Sicurezza

Una casa pulita in maniera green con il vapore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento