Faenza, Massimo Isola nuovo sindaco. Il Pri: "Senso di responsabilità"

"Come Pri avevamo deciso di sostenerlo perché, al di là delle qualità che gli abbiamo sempre riconosciuto, ci aveva convinto la sua idea per Faenza", afferma Fusignani

Il Pri di Ravenna saluta "con piacere" l’elezione di Massimo Isola a sindaco di Faenza. Espone Eugenio Fusignani, segretario provinciale del partito: "Come Pri avevamo deciso di sostenerlo perché, al di là delle qualità che gli abbiamo sempre riconosciuto, ci aveva convinto la sua idea per Faenza. Una visione che conteneva quegli aspetti di laicità come la difesa della cultura, della scuola e della sanità pubblica, che per noi Repubblicani sono elementi imprescindibili per ogni convergenza politica".

"Siamo contenti che il nostro giudizio su Isola sia stato il medesimo di una larga maggioranza dei cittadini faentini - aggiunge -. In questa battaglia per il futuro di Faenza abbiamo speso la candidatura del segretario cittadino Claudio Ossani. A lui va il sentito ringraziamento mio personale e di tutti i Repubblicani della provincia di Ravenna per l’impegno che ha messo in questa campagna elettorale, mettendoci la faccia con coerenza, passione, coraggio e, soprattutto, con senso di responsabilità. Senso di responsabilità che ha portato il Pri a contribuire alla vittoria del centro sinistra e che ora sosterrà l’azione politico programmatica di Massimo Isola con coerente lealtà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cristiano dedica il suo 'brodetto che innamora' al marito e conquista i giudici di Masterchef

  • Tragico infortunio sul lavoro: muore operaio di 26 anni

  • Muore a 26 anni, l'appello: "Aiutateci a trovare una casa per le sue gatte"

  • Nuovo decreto: visite agli amici solo in due, niente asporto dopo le 18 per i bar e 'area bianca'

  • Carcasse di animali e 600mila euro in contanti nello studio: sequestro da 1 milione al veterinario

  • "Babbo, da dove viene la mia famiglia?": e lui ricostruisce 7 secoli di parenti in tutto il mondo

Torna su
RavennaToday è in caricamento