rotate-mobile
Politica Faenza

Faenza, il Movimento 5 Stelle: "Richieste di edificazione nelle zone alluvionate, soddisfatti sugli sviluppi"

Il Movimento 5 stelle faentino si ritiene soddisfatto su come si siano sviluppati i ragionamenti e le riflessioni sulle richieste di edificazione nelle zone alluvionate (Ghilana e Biancanigo)

Il Movimento 5 stelle faentino si ritiene soddisfatto su come si siano sviluppati i ragionamenti e le riflessioni sulle richieste di edificazione nelle zone alluvionate (Ghilana e Biancanigo) e sulla discussione, ancora aperta, per la redazione del Piano Urbanistico Generale (Pug). "Ricordiamo - dice Marco Neri, capogruppo M5S Faenza -, che il 3 maggio scadranno i termini sulle proroghe per portare a termine le convenzioni dopodichè centinaia di ettari di terreno, tra produttivo e residenziale, torneranno alla loro originale destinazione perdendo i diritti edificatori. Nella seduta del Consiglio comunale di martedì 23 aprile sono state espresse sia dall'opposizione sia dai banchi della maggioranza affermazioni a dir poco sconcertanti e contrastanti, su tutti il rappresentante di Italia Viva, con questioni personali e allusorie".

Il portavoce dei pentastellati sottolinea e critica l'unica ideologia, presente in questo periodo storico, che è quella neoliberale "la quale veicola un sempre più pervasivo individualismo a discapito della collettività e del bene comune. Nulla a che fare con i legittimi sistemi concettuali e interpretativi che costituiscono la base ideologica politica di ogni partito o movimento. Ribadiamo la nostra ferma posizione verso un approccio che metta il principio di sicurezza dei cittadini al primo posto e che stimoli la riqualificazione territoriale anziché l'espansione urbana, di accelerare e lavorare in questo senso sul Piano Urbanistico Generale e il Piano di Azioni per l'Energia Sostenibile e il Clima, oltre ad identificare ed utilizzare gli immobili esistenti per la rigenerazione urbana in attesa del piano speciale delle zone a rischio. L’Ente pubblico deve fare la sua parte".

Conclude, il capogruppo dei 5 Stelle, ricordando che "la nostra posizione in Consiglio comunale ed in amministrazione è in linea con i principi che ci contraddistinguono e con il programma elettorale per cui siamo stati eletti il quale riporta al punto due (ambiente e territorio) di porre fine al consumo di suolo secondo i principi della legge urbanistica regionale e al punto quattro (sviluppo economico e lavoro) in cui l’edilizia e nuovi cantieri rappresentano un motore fondamentale per l’economia locale attraverso interventi volti al recupero del patrimonio immobiliare esistente e all’efficientamento energetico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Faenza, il Movimento 5 Stelle: "Richieste di edificazione nelle zone alluvionate, soddisfatti sugli sviluppi"

RavennaToday è in caricamento