Falde a rischio gasolio nel lughese, i verdi interrogano la Regione

Gabriella Meo, del gruppo Sinistra Ecologia libertà – Idee verdi, interroga la Giunta Regionale per sapere le ragioni della lunga attesa di una cisterna (da Mestre) per il travaso del gasolio perso da un camion

L'incidente del 26 novembre scorso

Gabriella Meo, del gruppo Sinistra Ecologia libertà – Idee verdi, interroga la Giunta Regionale per sapere le ragioni della lunga attesa di una cisterna (da Mestre) per il travaso del gasolio perso da un camion in seguito ad un incidente il 26 novembre scorso, “aggravando l’inquinamento dell’area”, e se non fosse disponibile un mezzo adatto allo scopo sul territorio ravennate o nelle province limitrofe. Meo chiede, inoltre, quali analisi ed accertamenti tecnici siano stati realizzati da Ausl e Arpa, e con quali risultati.

Il sinistro aveva provocato lo sversamento di circa quindicimila litri di gasolio alla periferia di Lugo (Ra). La cisterna si è rovesciata nella scarpata del cavalcavia prospiciente il Lugo Terminal, cominciando a perdere gasolio in mattinata. Nel pomeriggio arrivò una speciale cisterna del gruppo Nbcr (Nucleare, biologico, chimico e radiologico) dei Vigili del Fuoco di Mestre per travasare il gasolio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel frattempo, una vasta superficie di terreno tra Lugo e Cotignola è stata inquinata dal gasolio e il Comune di Cotignola ha segnalato al Dipartimento di Sanità pubblica dell’Ausl di Ravenna la contaminazione di un pozzo privato. La consigliera sottolinea la gravità di quanto avvenuto: non potendo escludere che il gasolio sversato abbia raggiunto le falde superficiali, i Sindaci dei due Comuni hanno emanato ordinanze con cui vietano l’utilizzo dell’acqua prelevata per uso potabile, zootecnico e irriguo per scopi alimentari dai pozzi privati situati in un raggio di 1,5 chilometri intorno al luogo dell’incidente; queste ordinanze saranno in vigore fino alla conclusione degli accertamenti tecnici ed analitici necessari per stabilire la compatibilità delle acque per gli usi alimentari, irrigui e zootecnici;

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la moto: il guard rail gli amputa entrambe le gambe

  • I vantaggi del fitwalking, un ottimo modo per dimagrire e rimettersi in forma

  • Investita alla rotonda mentre va in bici: donna in gravi condizioni

  • Aggredite a morsi dal cane nel cortile di casa: bambine in ospedale

  • Coronavirus, un nuovo caso e un decesso: i test sierologici scoprono gli asintomatici

  • Laura, unico caso di Coronavirus a Bagnara: "Il tampone era negativo, l'ho scoperto col test sierologico"

Torna su
RavennaToday è in caricamento