Politica

Firme false alla lista elettorale della Lega: 10 politici rinviati a giudizio

Dovranno andare a processo con l'accusa di aver falsificato delle firme per presentare delle liste alle elezioni regionali del 2010. L'accusa viene mossa nei confronti di 10 esponenti politici ravennati di centrodestra (Lega, Pdl, Fi)

L'ex ministro Cecile Kyenge

Dovranno andare a processo con l'accusa di aver falsificato delle firme per presentare delle liste alle elezioni regionali del 2010. L'accusa viene mossa nei confronti di 10 esponenti politici ravennati di centrodestra (Lega, Pdl, Fi). Si tratta sia di consiglieri comunali, che segretari di partito. Nel mirino c'è la lista della Lega Nord, sulla quale sarebbero confluite 210 firme.


L'indagine era partita dalle verifiche dopo le banane lanciate il 26 luglio 2013 a Cervia all'allora ministro Cécile Kyenge. Il tutto nacque dal fatto che una consigliera Pdl avrebbe optato per le dimissioni dal suo ruolo, ufficialmente giustificate per motivi personali, in quanto la stessa non era convinta della veridicità delle firme che si sarebbe trovata ad autenticare. In totale le firme alla lista erano state 1.170: senza le firme ritenute fasulle, la lista non avrebbe' potuto superare la soglia minima di 1.000. Ora la questione finirà in un'aula di tribunale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Firme false alla lista elettorale della Lega: 10 politici rinviati a giudizio

RavennaToday è in caricamento