Gardin (Lega): "La sicurezza terreno di spot elettorali da parte della maggioranza"

E' quanto afferma il segretario provinciale della Lega Nord, Samantha Gardin, che a l’assessore alla sicurezza ravennate, Martina Monti

"La sicurezza? E’ diventata terreno di spot elettorali da parte della maggioranza e di qualche politicante di mestiere, ma la verità è che non si è fatto nulla e che Ravenna è completamente nel caos". E' quanto afferma il segretario provinciale della Lega Nord, Samantha Gardin, che a l’assessore alla sicurezza ravennate, Martina Monti. "Non c’è dubbio alcuno che per fronteggiare bande organizzate, come quella che ha puntato alla tempia di un dipendente una pistola - esordisce Gardin – occorra una strategia concertata tra istituzioni, forze dell’ordine, con meno chiacchiere da parte del Comune, e più risorse per prevenire, almeno, certi fenomeni".

"Invece, al di là delle “buone pratiche” socializzate negli incontri elettorali della Giunta, non sentiamo parlare altro che di sperimentazioni di “app”, come quella sulle “sentinelle digitali”. Il Comune sperimenta una cosa che è già applicata in una trentina di comuni - dice Gardin - dopo anni di parole a vuoto. Aggiungiamo che non si è ancora arrivati ad utilizzare i volontari dell’Associazione dei Carabinieri in congedo, che già molti mesi fa, si erano proposti di creare un gruppo di supporto per pattugliare l’entrata e l’uscita dalle scuole, liberando dai compiti la Polizia municipale, ma, ovviamente per i soliti problemi di burocrazia, voluta, vedasi questi fantomatici corsi di formazione (ad ex carabinieri?) che non partono".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Inoltre, l’assessore Monti va dicendo che la sicurezza non è una materia di cui può occuparsi il Comune: a questo punto, viene da chiedersi a quale titolo percepisca il suo stipendio, per una delega “inutile” - prosegue -. La sicurezza e la prevenzione del degrado non sono uno spot, ma politiche ordinarie che bisogna mantenere attive, per garantire una buona qualità di vita ai cittadini. Ma, tant’è, per qualcuno il tema rimane una “percezione”, più che un problema reale. Per questo, l’attuale maggioranza di centrosinistra non appare credibile, nemmeno quando fa finta di occuparsi realmente del problema".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

  • Coronavirus, due positivi a scuola: quarantena per alunni e docenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento