Grandi lascia Lista per Ravenna e passa a 'Ora': "Sono stanco dei vecchi sistemi"

"Invito tutti gli attori della vita politica, magari stanchi dei vecchi sistemi, qualunque sia la loro provenienza, per una nuova idea di città e un modo diverso di fare politica"

Martedì sera, con il passaggio al gruppo misto, il presidente del consiglio territoriale Darsena Nicola Grandi ha sancito in maniera definitiva e ufficiale la sua decisione di uscire da Lista per Ravenna. "Questa scelta, giunta al termine di una lunga attività di impegno politico, non intacca né la sincera amicizia che nutro nei confronti di coloro con cui ho condiviso questa strada, né tantomeno i sentimenti di rispetto e gratitudine per le responsabilità di lavoro e di amministrazione comunale che nel nome della lista stessa ho potuto svolgere, ultima delle quali la presidenza del Consiglio territoriale Darsena, a cui ho dedicato e intendo continuare a dedicare con passione le mie energie fino alla fine del mandato - spiega Grandi - E’ stata proprio questa esperienza politica, ultimo di una serie di incarichi che mi hanno portato a ricoprire via via diversi ruoli da amministratore, a far maturare in me la convinzione profonda che fosse giunto il momento di uscire dal gioco politico delle parti, in maniera da poter affrontare il mio impegno politico senza scopi diversi dall’obiettivo di perseguire il bene comune, indipendentemente dalle appartenenze di partito, movimento o schieramento politico".

"Troppo spesso si sono dissipate e si dissipano energie e competenze in nome di polemiche sterili, contestazioni e prese di posizioni spesso inutili che appartengono al gioco della vecchia politica della contestazione e della contrapposizione a priori, che così di rado entra nel merito e quasi mai propone soluzioni alternative - attacca Grandi - Ma ancora più spesso mancano (in generale intendo) quella capacità di dialogo e di ascolto che non senza difficoltà ho cercato di utilizzare nel mio ruolo di presidente di consiglio territoriale, sempre e solo alla ricerca di soluzioni e non di polemiche, col risultato di ottenere diverse soddisfazioni, non personali, ma a bisogni (magari piccoli ma concreti) espressi dai concittadini. Questo esercizio di non passare quasi mai dalla polemica e dalla contrapposizione mi ha portato ad apprezzare la politica nel suo senso più stretto di ricerca di dialogo, servizio, ricerca del bene e di soluzioni condivise, proprio quello spirito che ho avuto il piacere di incontrare fra gli amici con cui stiamo realizzando quel nuovo percorso, o meglio quel sogno che prende il nome di “Ora”".

“Ora”, spiega Grandi, è "un ambizioso disegno che, slegato da ogni ideologia politica e movimento crede profondamente che il bipolarismo a Ravenna abbia mostrato carenze e limiti e si pone l’obiettivo di un progetto a medio e lungo termine immaginando davvero, in modo nuovo e del tutto disinteressato, la Ravenna che vogliamo lasciare ai nostri figli e nipoti. Coinvolgimento, progettazione partecipata, nuova visione di una città, le persone prima delle cose, solidarietà, prosperità inclusiva, innovazione, competenza, passione, determinazione e coraggio: questi i valori irrinunciabili che mi hanno spinto ad aderire a questo progetto e a sedermi a questo tavolo al quale, anzi, invito tutti gli attori della vita politica, magari stanchi dei vecchi sistemi, qualunque sia la loro provenienza, per una nuova idea di città e un modo diverso di fare politica che abbia al primo posto, comunque, la non contrapposizione e che nei fatti legittimi, anziché delegittimare, chi non appartenga al proprio schieramento o proponga idee diverse dalla proprie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico tamponamento mortale, il disperato volo dell'elicottero non riesce a salvargli la vita

  • Una giovane stilista romagnola conquista il principe Carlo con i suoi abiti

  • Critiche sui social all'attrice lughese scelta da Gucci

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Ci mette 'Anema e core' e apre una pizzeria napoletana: "E' la mia passione da sempre"

Torna su
RavennaToday è in caricamento