I consiglieri di maggioranza: "Il 'Decreto agosto' mette in crisi la nostra Camera di Commercio"

"Occorre stralciare l’articolo 61 del “Decreto Agosto” comma 1 e 2 che impone anche alla Camera di Commercio di Ravenna 30 giorni di tempo per concludere il processo di accorpamento con quella di Ferrara"

"Occorre stralciare l’articolo 61 del “Decreto Agosto” comma 1 e 2 che impone anche alla Camera di Commercio di Ravenna 30 giorni di tempo per concludere il processo di accorpamento con quella di Ferrara, pena l’invio di un commissario straordinario". A parlare sono i capigruppo di maggioranza del consiglio comunale di Ravenna, Fabio Sbaraglia (Pd), Chiara Francesconi (Pri), Daniele Perini (Ama Ravenna), Michele Casadio (Italia Viva), Mariella Mantovani (Articolo Uno) e Michele Di Staso (Sinistra per Ravenna).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non si comprende infatti la “ratio” dell’inserimento di un articolo di tale natura all’interno di un Decreto indifferibile per riavviare l’economia del Paese, e si reputano inopportune, intempestive e anche incongruenti con le finalità dichiarate del Decreto, le previsioni e conseguenze paventate per le Camere di Commercio in una fase così nevralgica e di diffusa difficoltà - continuano i consiglieri - Ci troviamo infatti ancora in pieno e conclamato periodo emergenziale e detta misura di legge, che dovrebbe secondo il titolo del Decreto andare a sostegno ed a favore del rilancio dell’economia, comporterebbe invece l’inevitabile commissariamento di Camere di Commercio virtuose come quella di Ravenna che in questo momento di grave crisi ha potuto finanziare interventi complessivi superiori a 3 milioni di euro a favore dell’imprenditoria locale. Con il commissariamento da tale momento, la Cciaa di Ravenna si troverebbe totalmente depotenziata e vedrebbe impegnate, per lunghi mesi, tutte le proprie risorse umane ed economiche in procedure burocratiche ed in pratiche amministrative (da sempre il male del nostro sistema Paese) invece di poter dar corso e seguito ai reali sostegni e supporti messi in atto o pianificati a tutela e favore dei settori economici e delle aziende del territorio. Un commissariamento che non è giustificato considerato che gli organi della Cciaa di Ravenna hanno sempre ottemperato nei tempi e nei modi agli obblighi legislativi vigenti concludendo l’iter di accorpamento con Ferrara quasi due anni fa e ora giacente in Regione. Chiediamo al Governo, alla Regione e ai parlamentari eletti nei collegi della nostra Provincia che ascoltino le istanze dei territori che come il nostro avevano già sottolineato con un ordine del giorno della maggioranza e votato all’unanimità dal Consiglio comunale la necessità di non proseguire sulla strada dell’accorpamento forzoso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Il Coronavirus torna nelle case di riposo: positivi 14 anziani e 3 oss

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento