rotate-mobile
Sabato, 20 Agosto 2022
Politica

Il Comitato Acqua Bene Comune di Ravenna scende in piazza

Mercoledì alle ore 17,30 in Piazza del Popolo, di fronte alla Prefettura il Comitato Acqua Bene Comune di Ravenna organizza un sit-in per esprimere tutta la sua indignazione

Mercoledì alle ore 17,30 in Piazza del Popolo, di fronte alla Prefettura il Comitato Acqua Bene Comune di Ravenna organizza un sit-in per esprimere tutta la sua indignazione. “Il 12 e 13 giugno scorsi 27 milioni di donne e uomini hanno votato per l’acqua come bene comune e per la sua gestione fuori dalle logiche di profitto. Le stesse persone hanno votato anche la difesa dei servizi pubblici locali dalle strategie di privatizzazione”.

“Ad oggi il profitto non è stato eliminato dalle tariffe idriche e la ripubblicizzazione del servizio viene ostacolata Al contrario, a quella straordinaria esperienza di democrazia i poteri forti hanno risposto con un attacco diretto al voto referendario: il Governo Berlusconi ha riproposto ad agosto le stesse norme abrogate e l'attualeGoverno Monti prepara nuove privatizzazioni, compreso il servizio idrico, con un decreto legge. Noi non ci stiamo. L’acqua non è un debito ma un bene comune e nessuna “esigenza” di qualsivoglia mercato può impunemente violare l’esito di una consultazione democratica, garantita dalla Costituzione. Chiediamo con determinazione al governo Monti di interrompere da subito la strada intrapresa. Chiediamo alle donne e agli uomini di mobilitarsi in difesa del loro voto referendario. Chiediamo di aderire alla campagna di obbedienza civile: visto che le istituzioni non applicano l'esito referendario, saremo noi a farlo eliminando dalle nostre bollette la quota di “profitto garantito””.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comitato Acqua Bene Comune di Ravenna scende in piazza

RavennaToday è in caricamento